NAVIGA IL SITO
Home » Analisi di Scenario » La BCE guida col pilota automatico

La BCE guida col pilota automatico

Giovedì 13 settembre è in programma una nuova riunione della BCE. Anna Maria Grimaldi (IntesaSanpaolo) ritiene che il Consiglio confermerà la guidance sui tassi

di Redazione Soldionline 7 set 2018 ore 11:07

Giovedì 13 settembre è in programma una nuova riunione della BCE. Dall’incontro non dovrebbero emergere importanti novità sulla politica monetaria dell’istituto centrale, considerando l’andamento degli ultimi dati sull’inflazione nella zona euro.

Anche Anna Maria Grimaldi, Economista – Area Euro di IntesaSanpaolo, ritiene che il Consiglio confermerà la guidance sui tassi, a meno di sorprese dalle indicazioni sull’inflazione per i primi mesi del 2019.

Nell’analisi seguente l’esperta spiega i motivi per cui ritiene che la riunione BCE della prossima settimana sarà ancora interlocutoria senza novità di rilievo sulla politica monetaria e sulla comunicazione.

 

bce-sedeI dati di agosto hanno convalidato lo scenario BCE di giugno scorso: crescita moderatamente al di sopra del potenziale, diffusa a tutta l’area, e graduale aumento dei prezzi interni. Le nuove stime dello staff dovrebbero rivedere la previsione 2018 di uno/due decimi al 2,0% per effetto dell’andamento del PIL leggermente più debole delle attese nel 2° trimestre.

 

I rischi per lo scenario dovrebbero essere valutati ancora come circa bilanciati.

Nonostante siano aumentate le tensioni sulle politiche commerciali, la domanda interna rimane solida. Il nervosismo sui mercati legato alla crisi turca e le preoccupazioni per altre economie emergenti hanno avuto sinora effetti limitati sulle condizioni finanziarie all’interno dell’area euro.

 

L’accelerazione dei salari nel 1° trimestre di quest’anno e l’andamento recente delle attese di prezzo offrono supporto alla previsione BCE di rialzo dell’inflazione core verso l’1,6% in media nel 2019. Secondo il Consiglio, a luglio l’incertezza sul rialzo dei prezzi interni si era ridotta.

 

Per ora, il Consiglio confermerà la guidance sui tassi e solo in caso di sorprese dalla dinamica dell’inflazione core nei primi mesi del 2019 potrebbe ripensare il timing dei rialzi. L’APP (programma di acquisto di attività) è ormai storia, il focus è su quanto rapidamente la BCE alzerà i tassi. Le vecchie regole di politica monetaria suggeriscono che per tornare alla neutralità la BCE dovrebbe alzare i tassi di circa 100 punti base.

Pensiamo vi siano ragioni valide per deviare dalla regola. Ciò detto il sentiero di rialzi incorporato negli Euribor futures ci sembra un po’ cauto.

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutti gli articoli su: bce , tassi interesse
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Come aprire la partita Iva

Come aprire la partita Iva

Chi vuole mettersi in proprio deve aprire la partita Iva. Sia che voglia lavorare da solo, sia che voglia aprire una società. Lo può fare con l'Agenzia delle Entrate. Continua »

da

ABCRisparmio

La cedolare secca spiegata in tre minuti

La cedolare secca spiegata in tre minuti

In questa guida vediamo cos'è e come funziona la cedolare secca sui contratti di locazione, le sue aliquote, le novità introdotte per il 2018 e il cosiddetto decreto Airbnb Continua »