NAVIGA IL SITO

In fuga dagli High Yield?

Capita di rado di vedere movimenti sincronizzati di fondi di qua e di là dell’Oceano: ecco perché oggi mettiamo in evidenza gli eccezionali deflussi di fondi registrati, la settimana scorsa, sui prodotti che investono in High Yield

di Valter Buffo 20 nov 2017 ore 09:05

Commento giornaliero di www.recce-d.com

 

Capita di rado di vedere movimenti sincronizzati di fondi di qua e di là dell’Oceano: ecco perché Recce’d oggi mette in evidenza gli eccezionali deflussi di fondi registrati, la settimana scorsa, sui prodotti che investono in High Yield. Nel primo dei due grafici in basso, vedete che la dimensione degli asset che sono investiti sulle obbligazioni High Yield attraverso il più grande ETF europeo è scesa ai minimi dal 2016, mentre sempre sotto ma nel secondo grafico vedete che la dimensione dei flussi in uscita, sia da ETF sia da Fondi che investono in obbligazioni High Yield, la settimana scorsa, è stata addirittura la più grande di sempre negli Stati Uniti. Un segnale di minore propensione al rischio obbligazionario, questo è sicuro: ma c’è forse qualche cosa di più, che deve essere preso in considerazione? Oltre ad un più debole RISK ON, che si vede anche in altri comparti, potremmo anche essere di fronte a segnali che riguardano la crescita economica? Perché come tutti sanno il rialzo del rendimento degli High Yield in passato ha anticipato fasi economiche di crescita debole, oppure di recessione. Sul tema, Deutsche Bank ha pubblicato, proprio questo weekend, una ricerca che va nella direzione opposta (“non si tratta di un anticipo di recessione”) ma noi in Recce’d abbiamo ritenuto utile portare alla vostra attenzione anche questa angolazione. Potrebbe trattarsi, forse, di una fase che Non anticipa un rallentamento della crescita del IL, ma che di fatto riflette un rallentamento nella crescita degli UTILI.

 

CONCLUSIONE   Recce’d  oggi torna sul tema banche, che in Italia è stato al centro dell’attenzione per l’intera settimana

 

high-yield-pullback

Fonte: BBG

 

high-yield-fund-flow

Fonte: BofA ML

 

Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 20 novembre 2017, abbiamo trattato i seguenti temi:

  1.     E’ la settimana del Thanksgiving negli USA: per questo, i mercati USA di fatto chiuderanno mercoledì sera
  2.     Il dollaro apre la settimana più forte, a 11730 contro euro. La ragione è la politica in Germania
  3.     Petrolio che apre la settimana forte, vicino a 57$ in Asia stamattina
  4.     SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana sul piano operativo ci occupiamo dei mercati obbligazionari e dei recenti dati per l’inflazione
  5.     SEZIONE L'ANALISI    il tema della nostra Analisi sarà il RISK ON: una fase che ha dominato il 2017, ma che forse sta arrivando alla fine

 

recced-logo_1

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutte le ultime su: recced , high yield , etf
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Unisalute: cos'è e come funziona

Unisalute è una società assicurativa specializzata nella sanità. Fa parte del gruppo Unipol e gestisce numerosi fondi di assistenza sanitaria integrativa e casse professionali

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »