NAVIGA IL SITO

Il vero motivo del balzo dell’oro

Nelle ultime settimane il prezzo dell’oro è passato dai 1.480 dollari l’oncia del 19 dicembre 2019 agli oltre 1.600 dollari toccati nella seduta del 7 gennaio 2020. Effetti politici (ma non solo…)

di Redazione Soldionline 8 gen 2020 ore 10:24

Nelle ultime settimane il prezzo dell’oro ha registrato un vero e proprio rally. La valutazione del metallo giallo è passato dai 1.480 dollari l’oncia del 19 dicembre 2019 agli oltre 1.600 dollari toccati nella seduta del 7 gennaio 2020.
Di certo l’acuirsi delle tensioni politiche internazionali dopo l’uccisione del generale Soleimani nel corso di un raid aereo condotto dall’esercito statunitense e la successiva risposta militare dell’Iran contro le basi militari statunitensi dislocate in Iraq, hanno fatto riscoprire la caratteristica di bene rifugio dell’oro.
Tuttavia, alcuni gestori ritengono che dietro il rally del metallo giallo possano esserci altre motivazioni, come spiega Ned Naylor-Leyland - gestore del fondo Merian Gold & Silver di Merian Global Investors – nell’analisi seguente.

 

gold-barsLe quotazioni di oro e argento sono aumentate rapidamente con il deterioramento della situazione tra USA e Iran. Sebbene entrambi i metalli preziosi stiano continuando a muoversi principalmente in base a dinamiche legate ai rendimenti reali, alcuni investitori hanno reagito all’escalation delle tensioni acquistando questi tradizionali beni rifugio. Se la situazione peggiorasse e ciò facesse accettare ulteriori politiche monetarie e fiscali espansive negli USA, ci aspetteremmo un contesto di rendimenti reali in dollari USA in calo, che darebbe una spinta rinnovata e sostenibile ai prezzi dei metalli monetari. L’aumento del prezzo dell’oro in dollari, quindi, è più un riflesso della possibilità di rendimenti reali più bassi che di un ‘rischio di guerra’ in aumento. Il mercato obbligazionario percepisce un maggiore rischio di aumento dell’inflazione core e di ulteriore espansione dei bilanci delle banche centrali a causa di questa situazione preoccupante, e questo è il driver principale dei prezzi dei metalli monetari.


Sembra che gli investitori istituzionali stiano di nuovo prendendo in considerazione l’allocazione sull’oro, in quanto pare che presto i massimi del terzo trimestre 2019 verranno superati. Le allocazioni istituzionali sono sui minimi rispetto ai livelli storici, il che significa che siamo potenzialmente sull’orlo di un continuo spostamento di liquidità dai veicoli alternativi long-only verso quelli monetari assicurativi. L’oro ovviamente è già lo strumento a rischio zero per le scelte di banche centrali, super-ricchi e pubblico asiatico. Crediamo che il 2020 potrebbe essere l’anno in cui il mondo degli investimenti in senso lato tornerà in modo preponderante allo zero monetario.

 

 

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »