NAVIGA IL SITO

Il prossimo anno sarà più incerto per i mercati azionari

A novembre i dati positivi in Europa, e nella zona euro in particolare, assieme alle attese di un nuovo intervento della BCE ad inizio dicembre, hanno portato i mercati azionari ad ampliare il rialzo già visto ad Ottobre

di Redazione Soldionline 15 dic 2015 ore 16:01

A cura di Gilles Guibout, Head del Team di Investimento Equity Europa ed Eurozona, AXA Framlington

A novembre i dati positivi in Europa, e nella zona euro in particolare, assieme alle attese di un nuovo intervento della BCE ad inizio dicembre, hanno portato i mercati azionari ad ampliare il rialzo già visto ad Ottobre, nonostante i rischi geopolitici dopo gli attentati di Parigi. La scarsa reazione dei mercati dopo questi tragici eventi mostra anche come vi siano effettivamente ridotte alternative di investimento per gli operatori.

Nel mese tutti e 3 i nostri indici di riferimento hanno visto un rialzo. Se tutti i settori hanno contribuito a questo movimento positivo, è da sottolineare il contributo delle Telecom (escluso il caso italiano) e dei titoli tecnologici,  che hanno pubblicato dati trimestrali superiori alle attese del mercato. Ancora una volta questo mese il settore dei beni di consumo non ciclici, nonostante le valutazioni storicamente elevate e dati di crescita deboli, è rimasto nel mirino degli investitori, visto anche il contesto di tassi bassi.

LEGGI ANCHE: Il 2016 segnerà il ritorno dell’inflazione?

2016_A Dicembre, i mercati azionari europei dovrebbero continuare ad essere sostenuti dal mondo obbligazionario sempre meno attraente per gli investitori. Tuttavia, il rialzo dei tassi della Fed a metà mese sarà un momento importante, ponendo fine ad un ciclo di espansione dei multipli. Anche se le società europee continueranno a beneficiare del cambio e del basso prezzo del petrolio, il prossimo anno si annuncia più incerto.

Nel 2016 dovrà concretizzarsi quella crescita degli utili che nel 2015 è stata rivista al ribasso nell’Eurozona al 7% (da un 11,5% iniziale) e ad una cifra ancora più bassa per la più ampia Europa (2% vs una stima iniziale di 7,5%). In Italia dovremmo chiudere con una crescita degli utili intorno al 20% vs una stima iniziale del 26%.

LEGGI ANCHE: Prospettive 2016: intatto il potenziale delle azioni europee

Non modifichiamo sostanzialmente il nostro posizionamento. Continuiamo a privilegiare le società con un vero potenziale di crescita del fatturato e/o degli utili, che sono gli unici elementi ad assicurare una vera capacità di generare risultati, di distribuire dividendi, e di portare ad un abbassamento dei multipli a valori più naturali.

Tutte le ultime su: mercato azionario
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »