NAVIGA IL SITO
Home » Analisi di Scenario » G20: foto-opportunità?

G20: foto-opportunità?

Il G20 in programma in questi giorni a Buenos Aires sarà l'occasione ufficiale per dichiarare chiusa, almeno per qualche tempo, la fase del multilateralismo economico e politico

di Valter Buffo 30 nov 2018 ore 08:42

Commento giornaliero di recce-d.com

 

analisi-tecnica-grafico_1Come avete visto anche ieri sui mercati, per il momento si attribuisce maggiore importanza allo stato delle relazioni internazionali che alle parole di Jay Powell, capo della Federal Reserve.

La settimana che si chiude oggi ha visto dominare, nelle discussioni degli operatori, il G20 del weekend: con riferimento alla crescita delle economie, al prezzo del petrolio (ne abbiamo scritto ieri mattina su SoldiOnline.it - Petrolio: si riscrivono le regole) e sull’incontro (ma ci sarà davvero?) tra Trump e Xi.

La stessa discesa di ieri del prezzo del petrolio WTI sotto i 50 dollari al barile, che vedete nel grafico sotto, ed il successivo rimbalzo, sono stati spiegati con riferimento alle (volatili) aspettative per il G20.

Noi di Recce’d vogliamo richiamare l’importanza di questo vertice ma da un punto di vista diverso: perché sarà l'occasione ufficiale per dichiarare chiusa, almeno per qualche tempo, la fase del multilateralismo economico e politico. La Presidenza Trump negli Stati Uniti ha reso molto evidente che la fase di accordi multilaterali che per tre decenni aveva dominato le relazioni diplomatiche (e commerciali) nel Mondo si era chiusa, ed oggi tutti constatiamo che si è passati con sempre maggiore frequenza alla ricerca di accordi bilaterali e ad hoc.

Come abbiamo appena detto, Trump ha reso questa tendenza evidente, ma segnali forti erano arrivati già prima di Trump: la spinta ad una sorta di abbraccio internazionale si era già esaurita, e da tempo le ragioni per dividersi venivano utilizzate dai politici di molte nazioni più spesso delle ragioni per stare insieme. Tra i tanti esempi che si possono fare, Brexit è uno dei più notevoli.

Vediamo che cosa ne ha scritto due giorni fa El Erian in questo estratto selezionato per voi lettori:

This weekend’s G-20 summit in Argentina will likely demonstrate what does and doesn’t work for this multilateral format, but also for international policy gatherings more generally. Despite weakening and diverging global economic growth, the aspiration for the larger discussions among leaders representing about three-quarters of global gross domestic product has been reduced to issuing bland joint communiques — and that’s assuming an agreement on this can be achieved. The real action will be taking place in the bilateral meetings that occur on the sidelines, with particular interest in the conversation between U.S. President Donald Trump and Chinese President Xi Jinping. Created with the hope to reflect new global economic realities, the G-20 has been on a downward trend since its successful London summit in April 2009. (…) This isn’t just a G-20 issue. Little, if anything, actionable and beneficial has emerged from recent multilateral gatherings, including last month’s annual meetings of the International Monetary Fund and the World Bank, which were attended by top economic policy makers from almost 190 countries. What has proven more productive is the bilateral formats. (…) I do feel confident in predicting with a considerable degree of confidence that, unfortunately, the multilateral part of the summit is likely to prove just another photo opportunity, with little if any progress on dealing with major gaps in the cross-country coordination of policies

prezzo-future-petrolio-wti-2018

Fonte: Bloomberg

 

Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 30 novembre 2018, abbiamo trattato i seguenti temi:

  • Si chiude un mese di novembre forse più teso, e caotico, del precedente mese di ottobre
  • Tutti gli occhi sui mercati guardano al weekend ed al G20 ma ci sarà davvero motivo?
  • I dati macro per l’inflazione di ieri confermano che i prezzi al consumo crescono a ritmi superiori al 2% annuo
  • In Italia la situazione resta di stallo: non è la cena tra Juncker e Conte a potere sbloccare la situazione
  • SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana sul piano operativo ci occupiamo della complicatissima situazione in cui si trova la BCE e del suo calendario da qui a fine anno
  • SEZIONE L'ANALISI    il tema della nostra Analisi sarà questa settimana la cosiddetta Fed Put: la Banca Centrale USA interverrà a supporto dei mercati finanziari in calo?

 

recced-logo_1

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà
Tutti gli articoli su: recced , petrolio , brexit
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia rappresenta il documento che attesta la temporanea impossibilità al lavoro. È redatto dal medico curante, il quale provvederà a inviarlo all’INPS Continua »

da

ABCRisparmio

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Quota 100 è un sistema che consente la possibilità di accedere alla pensione nel momento in cui la somma tra età anagrafica e contributi versati è pari ad almeno 100 Continua »