NAVIGA IL SITO

E se il QE della BCE fosse esteso?

Non è così scontato che la Banca Centrale Europea decida di non continuare dopo il prossimo mese di settembre con il quantitative easing. Ecco perché

di Redazione Soldionline 7 lug 2017 ore 12:11

Ci sono esperti che non ritengono così scontato che la Banca Centrale Europea decida di non continuare dopo il prossimo mese di settembre con il quantitative easing. Tra questi Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud Asset Management. Secondo il gestore Francoforte potrebbe decidere di estendere il programma di acquisto titoli oltre la scadenza già annunciata. E potrebbe farlo verso la fine dell'estate.

Ecco il report del capo economista di Mirabaud Asset Management:

 

La ripresa dell’economia rimane positiva, mostrando un’accelerazione in seguito alla pubblicazione di dati fortemente favorevoli sul PIL reale italiano (che è aumentato dello 0,6% nel primo trimestre) e a una ripresa dell’indice PMI manifatturiero. Riguardo a quest’ultimo, notiamo un miglioramento su larga scala nei vari sotto indici: gli ordini in arretrato sono aumentati, mentre la produzione rimane solida.

 

Il recente apprezzamento del tasso di cambio Euro/Dollaro avrà probabilmente un impatto sull’indicatore principale, data la rilevanza delle esportazioni dell’Eurozona. Ciononostante, i PMI di giugno segnalano chiaramente un’ulteriore espansione nel secondo trimestre.

 

bce-sedeRiguardo all’inflazione, gli ultimi dati sono contrastanti: l’indice HICP ha rallentato (attualmente è pari all’1,3%) a causa della diminuzione dei prezzi dell’energia, mentre l’inflazione core ha superato le aspettative grazie al contributo positivo dei servizi. Siamo ancora del parere che l’inflazione non sia né autosufficiente né duratura nel medio termine.

 

Le ultime dichiarazioni di Draghi segnalano un tasso di inflazione costantemente basso e spinte reflazionistiche, che hanno supportato la reazione eccessiva dei mercati dei bond governativi. Complessivamente, ci aspettiamo un’estensione del programma di acquisto di titoli della BCE nel 2018, che sarà annunciata già a settembre.

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutte le ultime su: mirabaud , bce
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.