NAVIGA IL SITO

Esiste un’altra asset allocation?

Se riflettete sul particolare momento dei mercati finanziari capirete con facilità che dovete liberarvi dalla asset allocation fatta in modo tradizionale

di Valter Buffo 28 giu 2019 ore 08:35

Commento giornaliero di recce-d.com

 

portafoglio_5

Come abbiamo messo in evidenza per l’intera settimana che si chiude oggi, e in quella precedente, a nostro parere, se riflettete sul particolare momento dei mercati finanziari capirete con facilità che dovete liberarvi dalla asset allocation fatta in modo tradizionale: quella delle torte con gli spicchi a colori, per passare ad una strategia, e basata su criteri e teorie degli anni Cinquanta.

Dovrete invece affidarvi ad asset allocation alternative, e che funzionano, e dall’altro sia adatta ai mercati ed ai tempi che state vivendo. Se poi non sono compatibili con l’utilizzo degli strumenti classici, e dei Fondi Comuni di Investimento tradizionali in particolare, beh … questo a voi investitori finali non deve interessare.

Assolutamente. Oggi, i Fondi Comuni di Investimento occupano una parte minoritaria (meno del 50%) del mercato dell’asset management, e un futuro questa percentuale è destinata a scendere ulteriormente, per ragioni sia di costi (eccessivi) si di efficienza (che non è mai esistita). Insomma, se avete un portafoglio di Fondi Comuni, oggi fate parte di una minoranza, e fareste bene a farvi una serie di domande molto precise, magari ispirandovi a quello che avete letto nei nostri contributi della settimana che si chiude oggi, ed anche della precedente.

Per chiudere il lavoro della settimana, vogliamo ripetere alcune semplici ma importanti: la asset allocation non è quella cosa … delle torte colorate, della frontiera efficiente, della media e della varianza. Ve lo hanno fatto credere, ma è falso. O meglio, quella è una teoria elegante, vecchissima ma ancora elegante, che funziona molto bene per gli uomini del marketing, ma non funziona per i mercati, per voi, e per i vostri soldi. Per darvi uno spunto, tra i tanti che si trovano facilmente (anche soltanto leggendo i giornali) nella attualità di oggi: siamo tutti cresciuti nella convinzione che le obbligazioni sono meno rischiose delle azioni, e che il peso delle obbligazioni in portafoglio deve essere tanto più grande, quanto più voi investitori volete proteggere il patrimonio. 

Bene: oggi questo non è più vero, e ci sono fatti numerosi, anche dell’attualità del 2019, che ve lo possono confermare,
come abbiamo messo in evidenza ai Clienti in The Morning Brief. E questo vale, in modo particolare, per i Fondi Comuni obbligazionari. Nell’immagine in basso che chiude la settimana, vi riportiamo un brano da un articolo del Financial Times, che su questo punto risulta chiaro ed efficace. Di questi temi si discute, ogni mattina, sui mercati e tra gli operatori: e se nessuno ne parla con voi, allora c’è il rischio che non lo sappiano, oppure che vi stiano nascondendo la realtà dei fatti.

 

bond_12

Fonte: Financial Times

 

Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 28 giugno 2019, abbiamo trattato i seguenti temi:

  1.     La falsa euforia della settimana scorsa si è già esaurita: e adesso dove andiamo?
  2.     Il dollaro USA resta sopra a 1,1350 contro euro: ma Draghi non ha detto che abbasserà i tassi? E nessuno gli da importanza?
  3.     Ovviamente anche ieri dall’Amministrazione Trump ci hanno spiegato che “nel weekend ci sarà l’accordo con la Cina”; per fortuna tra 48 ore sarà tutto finito
  4.     SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana sul piano operativo ci occupiamo di liquidità: lo sapete che cosa sta succedendo, ai Fondi Comuni di Neil Woodford?
  5.     SEZIONE L'ANALISI    il tema della nostra Analisi sarà questa settimana la prossima riunione del G20, nel weekend

recced-logo_1

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà
Tutte le ultime su: recced
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Unisalute: cos'è e come funziona

Unisalute è una società assicurativa specializzata nella sanità. Fa parte del gruppo Unipol e gestisce numerosi fondi di assistenza sanitaria integrativa e casse professionali

da

ABCRisparmio

Come si ritirano le vincite al Superenalotto

Come si ritirano le vincite al Superenalotto

Come possono essere ritirare le vincite al Superenalotto? I premi Possono essere riscossi presentando la ricevuta originale e integra della schedina vincente giocata Continua »