NAVIGA IL SITO

Dollaro in ipervenduto?

Secondo Peter Rosenstreich e Vincent-Frédéric Mivelaz (Swissquote) i mercati non stanno prendendo nella giusta considerazione l’impegno della FED di anticipare l’inflazione

di Redazione Soldionline 18 gen 2018 ore 10:06

Sembra non arrestarsi il rafforzamento dell'euro nei confronti del dollaro. Nelle ultime ore la moneta unica ha superato la soglie di 1,22 contro il biglietto verde.
Tuttavia, alcuni esperti ritengono che la svalutazione del dollaro sia eccessiva. Secondo Peter Rosenstreich (Head of Market Strategist di Swissquote) e Vincent-Frédéric Mivelaz (analista di Swissquote) i mercati non stanno prendendo nella giusta considerazione l’impegno della FED di anticipare l’inflazione. Di conseguenza, come spiegato nell'analisi seguente, non appena i prezzi al consumo ripartiranno, le correlazioni sui tassi di interesse ritorneranno dove dovrebbero essere generando un rally del biglietto verde.

 

Solitamente, le valutazioni delle principali monete dovrebbero essere correlate ai rispettivi rendimenti, anche se recentemente non è proprio così. La maggiorparte delle divise appartenenti al gruppo G10 si trovano infatti significativamente al di sopra di quanto il differenziale di rendimento potrebbe suggerire.

dollaro_14I commenti rialzisti rilasciati la scorsa settimana da alcuni membri della Bce hanno guidato l’Eurodollaro sopra 1,20, ovvero il livello più elevato da quando la banca centrale ha iniziato il Quantitative Easing. A nostro parere, i mercati non stanno prendendo nella giusta considerazione l’impegno della Fed di anticipare l’inflazione.

Infatti, quello che ci attendiamo è che non appena i prezzi al consumo ripartiranno (secondo noi più rapidamente delle stime), le correlazioni sui tassi di interesse ritorneranno dove dovrebbero essere generando un rally del biglietto verde contro Yen, Euro e Franco svizzero.

D’altra parte, abbiamo già preso nota di come le incertezze sulla coalizione di governo tedesca e le politiche monetarie della Bce abbiano fatto sussultare l’andamento della moneta unica la scorsa settimana, sebbene all’interno di un movimento che è poi rientrato: l’accordo in Germania e la pubblicazione di dati economici robusti hanno infatti spinto l’Eurodollaro alla soglia di 1,22.

I mercati Usa continuano a viaggiare sui massimi, l’inflazione si sta finalmente rivitalizzando e le indiscrezioni riguardo al fatto che la Cina abbia in animo di bloccare gli acquisti di Treasury sembrano completamente infondate.

 

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutte le ultime su: dollaro
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Dimissioni per giusta causa: quando sono possibili e come si danno

Le dimissioni per giusta causa consentono al lavoratore di risolvere immediatamente il rapporto di lavoro. Se ricorre giusta causa, il lavoratore può licenziarsi senza preavviso al datore di lavoro.

da

ABCRisparmio

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

La lotteria degli scontrini è una delle manovre che secondo l’attuale esecutivo dovrebbe favorire il riemergere di una certa parte di sommerso. Vediamo cos’è e come funziona Continua »