NAVIGA IL SITO

Diseguaglianza, inflazione e tassi

Si ipotizza in questa frase un cambiamento nella strategia e nella politica monetaria della Federal Reserve, che sarebbe provocato da un ambiente politico molto contrastato

di Valter Buffo 6 mar 2019 ore 11:33

Commento giornaliero di recce-d.com

 

simbolo-percentualeIl tema della “diseguaglianza” senza dubbio è il tema più dibattuto al Mondo, da almeno un paio di anni a questa parte. Ci siamo domandati ieri mattina perché questo argomento riguarda i nostri investimenti ed il nostro portafoglio titoli. La risposta è semplice: perché ad oggi sembra essere il tema dominate, quello che avrà maggiore peso e maggiore influenza sulle scelte della politica economica nei prossimi cinque-dieci anni. Proprio di questo tema, e proprio ieri, ha scritto il Wall Street Journal, con un articolo molto interessante, che ci aiuta a capire quanto questo tema (diseguaglianza e politica monetaria) oggi sia al centro dell’attenzione in tutto il Mondo (Italia esclusa, come vi abbiamo già segnalato sia ieri sua lunedì). L’articolo si apriva così:

The changing political environment could cause a shift in Powell’s stated priorities. The only way to raise workers’ pay relative to the value of what they produce is for wages to grow by more than inflation plus productivity.

Si ipotizza in questo frase un cambiamento (ancora più profondo di quello che si è visto a fine gennaio) nella strategia e nella politica monetaria della Federal Reserve, che sarebbe provocato, come dice il testo qui sopra da un ambiente politico molto contrastato (“challenging political environment”). Si tratterebbe, nel caso, di un cambiamento storico, perché la Federal Reserve verrebbe costretta ad affiancare ai suoi due obbiettivi storici fissati nello Statuto (la crescita economica e l’inflazione) addirittura un terzo obbiettivo, che è la riduzione delle diseguaglianze. E, come leggete sopra, è ovvio che per agire sulle diseguaglianze sarebbe necessario fare leva sulla crescita delle retribuzioni, spingendole in alto oltre il tasso di inflazione. Perché si arriva a ipotizzare un cambiamento di queste proporzioni storiche? La ragione è che cresce il numero di quelli che attribuiscono proprio alla Fed, ed alla sua politica di QE, l’ampliamento recente delle diseguaglianze. Allo scopo di fornire un esempio di questa crescente tensione, abbiamo utilizzato oggi lo spazio in basso (che solitamente è occupato da un grafico) per farvi leggere direttamente un brano dell’articolo già citato del Wall Street Journal. In questo brano, viene documentato al lettore (e quindi adesso anche a voi) il contenuto di alcune delle domande che sono state poste a Powell nella recente audizione al Congresso: come potete leggere, le domande sulla diseguaglianza sono state numerose, ed incalzanti. Portiamo alla vostra attenzione questi fatti, perché in ambito internazionale e non soltanto negli Stati Uniti (anche in Francia, Regno Unito, Giappone) è un tema da prima pagina: ed il fatto che in Italia nessuno lo abbiamo fino ad oggi messo in evidenza rende il nostro contributo che state leggendo ancora più utile.

 

recced_6marzo2019

Fonte: Wall Street Journal

 

Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 6 marzo 2019, abbiamo trattato i seguenti temi:

  1.     Mercati ormai da settimane in una fase di apatia ed assenza di reazioni che noi giudichiamo molto inquietante
  2.    Questa settimana la BCE potrebbe scuotere i mercati
  3.     Anche il dato USA per l’occupazione potrebbe tirarci fuori dalla fase di apatia
  4.     SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana sul piano operativo ci occupiamo dell’andamento dei mercati obbligazionari, viste le sorprese della settimana scorsa
  5.     SEZIONE L'ANALISI    il tema della nostra Analisi sarà questa settimana il destino economico e politico dell’Eurozona

 

recced-logo_1

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà

 

Tutti gli articoli su: recced
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »

da

ABCRisparmio

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

Il modello 730 precompilato 2019 sarà accessibile online dal 16 aprile. Può semplificare molte cose nella compilazione della dichiarazione dei redditi. Continua »