NAVIGA IL SITO

Dalla fiction alla realtà: la sterlina debole?

Abbiamo valutato, fin dall’inizio di questo 2016, il fattore Brexit come un fattore transitorio, destinato a perdere di importanza non dopo ma anche qualche mese prima del Referendum, ed è proprio questo che è successo

di Redazione Soldionline 18 mag 2016 ore 09:17

Commento giornaliero di www.recce-d.com

Ci ha molto colpito, ieri, il comportamento della sterlina GBP
: molti hanno osservato, nelle ultime due settimane, un significativo aumento dei toni polemici nella campagna sul Referendum di giugno, la settimana scorsa la Bank of England ha speso (insolite) parole di allarme proprio sulle’sito di questo referendum, e poi oggi il dato per l’inflazione nel Regno Unito è uscito inferiore alle attese, cosa che immediatamente si traduce (ovvio) un una revisione delle aspettative degli operatori per i futuri rialzi dei tassi ufficiali nel Regno (oggi allo 0,50%). Il cambio della sterlina, per tutte queste ragioni, oltre che per l’avvicinarsi della data del Referendum, dovrebbe essere in questo momento molto fragile: invece, come vedete bene nel primo grafico sotto, lo Sterling Index che è il valore medio ponderato del cambio della sterlina, nelle ultime sedute è addirittura aumentato. Ci sono articoli di commento che spiegano questa fase di maggiore forza del cambio con riferimento ai sondaggi sul Referendum, che darebbero i NO in vantaggio: come alcuni lettori già sanno, non è questa la nostra visione delle cose. In Recce’d abbiamo valutato, fin dall’inizio di questo 2016, il fattore Brexit come un fattore transitorio, destinato a perdere di importanza non dopo ma anche qualche mese prima del Referendum, ed è proprio questo che è successo. Lo vediamo nel secondo grafico qui sotto, che ci racconta che il cambio della sterlina GBP contro dollaro USA a inizio maggio era tornato al medesimo livello di fine 2015 (la linea blu) mentre contro euro oggi subisce una svalutazione più ampia (7% circa) da fine 2015, ma questo movimento è spiegato proprio dalla forza del’euro (anche contro dollaro USA) e non da una  debolezza specifica della stessa sterlina GBP. Oggi, sul mercato, non si trovano i segni di Brexit: e sicuramente non c’è alcuna corrisponenza tra i milioni di pagine scritte sui quotidiani e dalle Reti e le variazioni di prezzo osservate sui mercati delle azioni, delle obbligazioni e dei cambi. Tornando ora all’attualità, ed ai prossimi mesi, la palla torna alla Bank of England , piùà che nel campo del referendum:
 
With inflation so low and the economy growing only modestly, economists see the BOE keeping its key interest rate at a record low 0.5 percent until the second quarter of 2017. The central bank’s base scenario is for a modest acceleration in price growth from the second half of 2016, though Governor Mark Carney has warned that the outlook is clouded by Britain’s referendum on European Union membership. He said last week that the vote poses the biggest risk and that leaving the bloc would weaken sterling and, potentially, push up inflation.
 
CONCLUSIONE    Recce’d vi segnala che non sempre il numero di articoli e commenti corrisponde a fatti di mercato: alcuni temi vengono riproposti solo perché da un punto di vista giornalistico “fanno notizia”,  ma quando si va poi a misurare la reazione dei mercati spesso si scopre che è di dimensioni modeste

remain-lead

eur-gdp

GLI ALTRI TEMI che avranno oggi un visibile impatto sui mercati li trattiamo nel nostro The Morning Brief (disponibile dalle ore 7,00 per i Clienti e attraverso la nostra app). Ecco una sintesi per punti:

1.     Sta per cambiare lo scenario: siete pronti?     Anche ieri, anche stamattina, aumentano i segnali di un profondo cambiamento di scenario: i portafogli devono essere pronti oggi, e non dopo

2.     S&P 500 e tassi USA    Chi ci segue attraverso il The Morning Brief ha letto, la settimana scorsa, cinque giorni di analisi sul rapido cambiamento delle aspettative per i tassi ufficiali negli USA. Questo è il fattore che spiega anche la caduta di ieri

3.     Una grossa sorpresa: il Giappone cresce    Il dato di questa mattina restituisce spazio di manovra ad Abe e Kuroda: è un dato “politico”

4.     SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana la sezione dedicata all’operatività si concentrerà sui settori della Borsa USA, che anche nelle ultime settimane (in cui gli indici maggiori sono rimasti fermi) hanno fornito importanti indicazioni operative

5.     SEZIONE L'ANALISI      questa settimana i nostri Clienti insieme a noi faranno il punto sulla situazione in Cina, alla luce degli ultimi dati macro ed anche per comprendere il recente ribasso della Borsa

recced-logo

 

Tutte le ultime su: sterlina , recced
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.