NAVIGA IL SITO

Criptovalute in stallo, exchange alle stelle

Al momento i principali beneficiari della rivoluzione annunciata dal bitcoin sembrano essere gli intermediari che operano in questo mercato. Ecco spiegati i motivi

di Redazione Soldionline 24 ago 2018 ore 10:41

"Al momento i principali beneficiari della rivoluzione annunciata dal bitcoin, la moneta digitale decentralizzata per eccellenza, sembrano essere gli intermediari che operano in questo mercato", è quanto sostiene Matteo Oddi di Exante, analizzando la recente debolezza delle quotazioni delle principali criptovalute.

Come si spiega questo scenario? Nell'analisi seguente l'esperto ha provato a dare una risposta a questa domanda ricordando che le criptovalute rappresentano un mercato relativamente giovane che deve, quindi, trovare ancora un equilibrio.

 

I prezzi delle criptovalute arrancano, ma exchange e broker del settore godono di ottima salute.

 

bitcoin_7Al momento i principali beneficiari della rivoluzione annunciata dal bitcoin, la moneta digitale decentralizzata per eccellenza, sembrano essere gli intermediari che operano in questo mercato.

Mercato sul quale viene esercitata da molto tempo un forte pressione ribassista: il il bitcoin si è allontanato del 67% dal suo massimo storico (20.000 dollari) registrato a dicembre, mentre il comparto crypto nel suo complesso ha ceduto il 78% da gennaio, quando la sua capitalizzazione aveva superato brevemente gli 830 miliardi di dollari.

 

E le notizie capaci di incidere negativamente non sono certo mancate neanche di recente: si va dai nuovi divieti provenienti dalla Cina (presi di mira piattaforme straniere, siti ed eventi che trattano crypto) all’ennesima bocciatura di ETF sul bitcoin proposti alla SEC.

 

Niente di tutto questo sembra toccare Yoni Assia, CEO della piattaforma multi-asset eToro, che non solo ha stretto un accordo di sponsorizzazione pagato in bitcoin con 7 club di Premier League in questi giorni, ma conferma l’esistenza di una domanda di trading di criptovalute che non conosce sosta.

I crypto asset sono ancora un mercato relativamente nascente; tecnologie emergenti come questa vedono spesso oscillare il loro valore all’inizio. Gli aggiustamenti di mercato come quelli che abbiamo sperimentato di recente contribuiscono a stabilizzare i prezzi e a rendere il settore più solido. Tuttavia, nonostante questi aggiustamenti, non si è registrato un calo significativo della domanda di asset digitali”, ha detto Assia in un’intervista a NewsBTC.

 

La capacità di attrarre un flusso costante di aspiranti trader di criptovalute (anche disposti a operare allo scoperto) è certamente alla base dei risultati stratosferici dell’exchange BitMEX, che lo scorso mese è diventato il primo sito a scambiare 1 milione di bitcoin in sole di 24 ore.

 

I profitti registrati nel corso dell’anno hanno quindi permesso alla società di affittare l’intero 45° piano del Cheung Kong Center, grattacielo nel distretto finanziario di Hong Kong Central, il più caro al mondo per quanto riguarda il costo degli uffici. Secondo una stima dell’Hong Kong Economic Times, BitMEX sborserà 573.200 $ al mese.

 

Ma cosa spinge gli utenti ad aprire gli account?

“La copertura mediatica sull’argomento e i prezzi in calo sono motivo di richiamo per nuovi trader di criptovalute. Il ritorno ai livelli record di alcuni mesi fa passa anche da questa strada”, risponde Anatoliy Knyazev di Exante, broker che ha lanciato il primo fondo di investimento sul bitcoin.

Comunque vada, stiamo parlando di un successo annunciato, almeno per gli exchange, che secondo gli analisti di Sanford C. Bernstein & Co potrebbero arrivare a raddoppiare il loro fatturato rispetto all’anno scorso, toccando i 4 miliardi di dollari entro la fine del 2018.

 

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutte le ultime su: bitcoin
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Fattura elettronica, chi ha l'obbligo di emetterla e come deve adempiervi

La fattura elettronica è il documento fiscale telematico che deve essere emesso per la cessione di un bene o la prestazione di un servizio. Tutto quello da sapere

da

ABCRisparmio

Bonus bebè 2020: come fare domanda, requisiti e importi

Bonus bebè 2020: come fare domanda, requisiti e importi

Dal 2020 possono usufruire dell’assegno mensile di sostentamento, meglio noto come “Bonus Bebè”, tutte le famiglie senza limiti reddituali Continua »