NAVIGA IL SITO

Cosa insegna la parabola dell’oro?

Oggi ritorniamo su un tema “classico”: non fidatevi, mai, delle “dritte”. Per fare bene con gli investimenti, è necessario una attenzione costante e quotidiana. Non possono bastare cinque minuti

di Valter Buffo 24 nov 2016 ore 09:17

Commento giornaliero di www.recce-d.com

Volete fare una cosa che vi sarà utile? Chiedete al vostro abituale consulente di spiegarvi che cosa succede all’oro dopo che è stato eletto Trump. Può esservi utile, sia per capire come il consulente ragione, sia per capire quanta attenzione ci mette, nell’analizzare ciò che succede e i segnali che arrivano dai mercati.

oro2_2Questo perché tutti i maggiori quotidiani (ieri lo ha fatto il Corriere della Sera ad esempio: potete leggere nel Blog il nostro commento) ci spiegano come “proteggersi dall’inflazione”, e ci danno le cinque “dritte” per azzeccare le prossime mosse. Ne abbiamo scritto brevemente anche nel nostro Blog. Ma perché proprio l’oro? L’oro ci serve come ottimo esempio: sulla necessità di non essere mai meccanici, di essere più analitici e meno superficiali, nell’analizzare i mercati: insomma, dimostra che le “dritte” non funzionano. Mai. Un esempio concreto e attuale? Proprio ieri il prezzo dell’oro è sceso, sotto i 1200 dollaro l’oncia (primo grafico in basso): ed è la prima volta da febbraio. Ecco qui il commento del Financial Times:

Gold fell below $1,200 a troy ounce for the first time since February as the dollar strengthened and investors sold exchange-traded funds backed by the metal. . Having surged earlier this year, holdings of gold-backed exchange-traded funds have seen their biggest outflows since July 2015 this month, according to UBS. The price of the precious metal has dropped over 7 per cent since the election of Donald Trump, which sent the dollar soaring on hopes he would boost growth through infrastructure spending and tax cuts. A strong dollar is normally bad for gold since the metal is priced in the currency Hope for higher spending and inflation under a Trump administration has boosted US yields, which makes gold less attractive as it pays no yield. Gold traders are also worried about how the Fed will react to an environment of higher inflation. “Were the Fed to be relatively dovish, this would see real rates remain low and be bullish for gold, while the opposite would be true if the Fed raised rates more quickly,” analysts at Goldman Sachs

Il lungo brano che riportiamo qui sopra può essere utile ai lettori perché li aiuta a mettere a fuoco quali (e quanti) sono i fattori che è necessario tenere sotto controllo, se si intende operare sull’oro: e come vedete, non c’è soltanto l’inflazione. Il Financial Times cita:
* •    Il cambio del dollaro USA
* •    Il rendimento delle obbligazioni USA (secondo grafico in basso)
* •    L’atteggiamento della Federal Reserve ed i tassi ufficiali REALI di interesse
Anche l’oro, quindi, fornisce una conferma di quanto Recce’d scrive con insistenza da mesi: ci troviamo a navigare in un mare non ancora esplorato, in una situazione che non ha precedenti, in un contesto che è stato fortemente alterato da anni di “politiche monetarie non convenzionali”: il risultato è questo, che tutte le “regolette meccaniche” del tipo “se sale l’inflazione, l’oro è il bene rifugio”, non funzionano più.

CONCLUSIONE   Recce’d oggi ritorna su un suo tema “classico”: non fidatevi, mai, delle “dritte”. Per fare bene con gli investimenti, è necessario una attenzione costante e quotidiana. Non possono bastare cinque minuti  

prezzo-dell-oro-sotto-i-1200-dollaro

rendimento-delle-obbligazioni-usa

Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 24 novembre 2016, abbiamo trattato i seguenti temi:
1.    Oggi Festa Del Ringraziamento: la Borsa USA è ai massimi di ogni tempo
2.    Euro sceso ieri sotto 1,0600 contro USD e rendimento del Tresury a 10 anni salito fino al 2,40%
3.    Il Parlamento di Londra ieri ha approvato una politica di maggiore spesa pubblica
4.    SEZIONE L'OPERATIVITA'  Trump Rotation: oggi restiamo ancora sul settore Energia
5.    SEZIONE L'ANALISI   Inflazione e mercati finanziari: ci deve preoccupare la massa monetaria?

 

recced-logo

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà
Tutte le ultime su: recced
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »