NAVIGA IL SITO

Chissà dove andrà il dollaro USA?

La nostra previsione è che la volatilità resterà elevata, ma che nel complesso peseranno di più gli argomenti a favore di un dollaro USA più forte

di Valter Buffo 19 feb 2018 ore 09:19

Commento giornaliero di www.recce-d.com

 

E’ stata una settimana molto importante, la scorsa settimana, per il dollaro USA: contro euro ha di fatto chiuso la settimana invariato (primo grafico sotto), ma  durante la settimana era tornato sopra 1,2500 contro euro, mentre contro yen è sceso a 105. Fin dal primo giorno del 2018, il cambio del dollaro USA è stato al centro dell’attenzione per tutti gli operatori, e noi stimiamo che lo sarà ancora per molte settimane e mesi.

euro-dollaro_15Ricordate sicuramente il clamore seguito alle dichiarazioni del ministro del Tesoro USA Mnuchin a Davos, che portarono per la prima volta l’euro sopra 1,2500, e proprio nei giorni scorsi quello stesso livello è stato ritestato, ma senza il bisogno di alcuna dichiarazione, e per la verità senza alcuna causa visibile.

Non ci sono stati, nell’ultima settimana, dati di tipo macroeconomico deboli, e neppure dichiarazioni dalla casa Bianca oppure dalla Federal Reserve che possano spiegare questo nuovo indebolimento, e dalla Bce non è arrivato alcun segnale: a nostro giudizio, il fattore forte la settimana scorsa è stato lo yen che si è rafforzato in misura significativa contro dollaro USA, rendendolo così più debole in generale.

Guardando al futuro, quali sono i fattori che risulteranno decisivi? Ci sarà una “guerra del dollaro”? I segnali arrivati negli ultimi giorni, ed in particolare i dati per la bilancia commerciale USA (deficit a livelli record) e le nuove tariffe sui metalli annunciate dalla Amministrazione USA ci fanno capire che la tensione sui commerci internazionali rimane molto elevata, e nel weekend la Cina ha minacciato “ritorsioni”: da qui, si ricava una aspettativa di tensioni in aumento, ma non necessariamente di un dollaro più debole, perché come tutti sanno ci sono anche fattori di tipo finanziario, come ad esempio il ruolo di “valuta rifugio” del dollaro nelle fasi di tensione e stress sui mercati finanziari.

Se poi aggiungete al quadro la Federal Reserve, la BCE e l’andamento delle economie, capite subito la grande complessità di questa situazione. In estrema sintesi, la previsione di Recce’d è che la volatilità resterà elevata, ma che nel complesso peseranno di più gli argomenti a favore di un dollaro USA più forte.

 

cambio-euro

Fonte: BCE

 

cambio-euro-dollaro_18

Fonte: Blockchain

 

Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 19 febbraio 2018, abbiamo trattato i seguenti temi:

  1.     Rimbalzo o ritorno a Goldilocks? Ora le Borse dovranno rispondere
  2.     La Borsa USA oggi chiusa, mentre in Cina lo sarà per l’intera settimana
  3.     Il dato per i prezzi alla produzione USA di giovedì scorso ha confermato un rialzo del 2,7% anno-su-anno: e sui mercati si discute solo di “rischio inflazione”
  4.     SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana sul piano operativo ci occupiamo del gigantesco SHORT sulle Borse in Europa del più grande Hedge Fund del Pianeta
  5.     SEZIONE L'ANALISI    il tema della nostra Analisi questa settimana sarà la Corva di Phillips, al centro del dibattito in queste ultime settimane, e probabilmente anche per tutto il resto del 2018

 

recced-logo_1

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà

 

Tutte le ultime su: recced , dollaro
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Dimissioni per giusta causa: quando sono possibili e come si danno

Le dimissioni per giusta causa consentono al lavoratore di risolvere immediatamente il rapporto di lavoro. Se ricorre giusta causa, il lavoratore può licenziarsi senza preavviso al datore di lavoro.

da

ABCRisparmio

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

La lotteria degli scontrini è una delle manovre che secondo l’attuale esecutivo dovrebbe favorire il riemergere di una certa parte di sommerso. Vediamo cos’è e come funziona Continua »