NAVIGA IL SITO

Bond Banca Imi per il retail: attenzione alla tagliola

Non è stata di certo una giornata fortunata quella per l’esordio delle due nuove emissioni obbligazionarie di Banca Imi – una in euro e una in dollari – sul Mot

di Redazione Soldionline 27 gen 2017 ore 10:51

A cura di Lorenzo Raffo

Non è stata di certo una giornata fortunata quella per l’esordio delle due nuove emissioni obbligazionarie di Banca Imi – una in euro e una in dollari – sul Mot. La coincidenza infatti con un quadro assai negativo per i nostri titoli di Stato, con il Btp decennale salito a oltre il 2,2% di rendimento, ha tolto in parte “appeal” proprio al bond in euro, che non è riuscito a schiodare dai 99,05 di avvio dell’operazione, sebbene in questa fase sia il collocatore a fare inevitabilmente il prezzo, con volumi fra l’altro modesti.

I due bond sono così strutturati:

Valuta euro, tasso misto (con cedola pagabili posticipatamente il 25 gennaio di ogni anno, pari a: 2,7% per le prime tre cedole; tasso Euribor a 3 mesi, maggiorato di uno “spread” pari allo 0,60% e con “cap” – valore massimo - pari al 2,7%, per le restanti cedole fino al rimborso) – scadenza 25/1/2027 – ammontare 300 milioni di euro – lotto minimo 1.000 euro – Isin XS1551929760.

Valuta dollaro Usa, tasso misto (con cedola pagabili posticipatamente il 25 gennaio di ogni anno, pari a: 3,75% per le prime tre cedole; tasso Us Libor a 3 mesi, maggiorato di uno “spread” pari all’1,5% e con “cap” – valore massimo - pari al 3,75%, per le restanti cedole fino al rimborso) – scadenza 25/1/2023 – ammontare 300 milioni di Usd – lotto minimo 2.000 Usd – Isin XS1555142568. Quest’ultimo è in collocamento a 99,6.

bond_10Attenzione a non farsi ingolosire dal taxsso fisso lordo dei primi tre anni. E’ vero che un 2,7% in euro e un 3,75% in dollari sono apparentemente interessanti, ma le loro quotazioni sul secondario risentiranno poi dell’intera struttura, cioè anche della parte a tasso variabile, penalizzata dalla “tagliola” rispettivamente al 2,7% e al 3,75%. Se si considera che oggi il Btp su scadenza dieci anni si è piazzato quasi al 2,24% e il Treasury Usa a 5 anni (non esiste un riferimento a 6 anni) al 2%, è chiaro come lo “spread” di rendimento appaia modesto, specialmente nel caso di quello in euro, valutando anche che gli Imi sono soggetti ad aliquota fiscale 26%.

Rispetto al nuovo Imi in euro può risultare più competitivo il vecchio Imi “Collezio Mc Ge26 Eur” (Isin XS1341083555), che riconosce il 3,1% per la cedola in pagamento ormai nel 2018 e che si trasforma poi in tasso variabile indicizzato Euribor 3 Mesi, maggiorato di uno spread pari allo 0,75%, per le restanti cedole fino a scadenza (26/1/2026), senza “cap”. Di quest’ultimo abbiamo già scritto nei giorni scorsi. La sua non trascurabilità volatilità conferma che anche il nuovo Imi subirà pressioni rialziste o ribassiste in funzione delle notizie sui tassi.
Il problema – lo ripetiamo – è quello del “cap”. Fino a ieri poteva sembrare un rischio lontano. Oggi lo è di meno, sebbene le variabili che condizionano in questi giorni i rendimenti reali dei Btp siano quasi solo legate alle prossime possibili elezioni nel nostro Paese. Ma non si speri che il fattore tassi non entri quanto prima in gioco Il vento sta realmente cambiando.

Un’ alternativa potrebbe essere rappresentata dall’investire quanto disponibile per quest’operazione (nel caso si scelga di collocarsi sull’euro) per metà sul nuovo Imi e per metà sul vecchio. In tal modo si affronterebbero le evoluzioni future dei mercati con due strutture parzialmente diverse.

 

TRADERS' CUP: la premiazione della edizione 2016 della TRADERS' CUP www.traders-cup.it si tiene il prossimo venerdì 24 febbraio 2017 a Bologna all'Hotel Savoia Regency.
In questa sede i vincitori della competizione di Borsa più nota in Europa presenteranno al pubblico le proprie metodologie e racconteranno le proprie storie di trader.
E' possibile partecipare GRATUITAMENTE iscrivendosi su http://www.riuscireinborsa.it/campionato-di-trading
ISCRIVITI PRESTO PERCHE' I POSTI DISPONIBILI SONO 80

 

 

Per altre raccomandazioni di borsa: LombardReport.com

lombardreport

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà

 

Tutte le ultime su: banca imi , bond
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

L'anticipo del TFR: quanto e quando è possibile chiederlo

Il lavoratore può chiedere al datore di lavoro anche un anticipo del TFR (il Trattamento di Fine Rapporto) mentre ancora sta lavorando per lui. La richiesta deve essere presentata per iscritto

da

ABCRisparmio

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

La lotteria degli scontrini è una delle manovre che secondo l’attuale esecutivo dovrebbe favorire il riemergere di una certa parte di sommerso. Vediamo cos’è e come funziona Continua »