NAVIGA IL SITO
Home » Analisi di Scenario » BCE, tapering o non tapering?

BCE, tapering o non tapering?

Gli operatori non prevedono novità importanti alla politica monetaria nella riunione di giovedì 20 ottobre. Mario Draghi, ha ribadito che il Quantitative Easing andrà avanti almeno fino a marzo 2017

di Edoardo Fagnani 17 ott 2016 ore 14:51

L’appuntamento principale della settimana sui mercati finanziari è quello della riunione della BCE, che giovedì 20 ottobre comunicherà le proprie decisioni in materia di politica monetaria.  
Gli operatori non prevedono novità importanti alla politica monetaria, considerato che nel recente meeting del Fondo Monetario Internazionale, il numero uno della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, ha ribadito che “il Quantitative Easing andrà avanti fino a marzo 2017 e oltre, se necessario”.
Tuttavia, Anna Maria Grimaldi, economista area euro di IntesaSanpaolo, ritiene che sia probabile che il Consiglio apra il dibattito su cosa fare dopo marzo. “Entro gennaio, il Consiglio dovrà decidere se estendere gli acquisti di 80 miliardi al mese ancora per tre-sei mesi o cominciare a scalarli, sia pure ad un ritmo molto graduale”, ha precisato Anna Maria Grimaldi.

Ecco i punti principali dell’analisi dell’economista di IntesaSanpaolo.

Alla riunione del 20 ottobre la BCE confermerà che un tapering del programma di acquisto di attività non è alle porte, mantenendo per ora aperte tutte le opzioni. La discussione su cosa fare dopo marzo 2017 probabilmente sarà già stata avviata, anche se la decisione finale sarà rimandata a dicembre o gennaio.
bce_14 I dati nell’ultimo mese hanno sorpreso verso l’alto. La ripresa delle quotazioni petrolifere, sostenuta dall’accordo OPEC, potrebbe favorire il conseguimento dell’obiettivo di inflazione.
Tuttavia, è ancora troppo presto per modificare la valutazione dei rischi sul ciclo.

Se i dati dovessero confermare le stime di crescita BCE di settembre, più forti di quelle di Consenso, le motivazioni a favore di un’estensione degli acquisti diverrebbero meno stringenti e il dibattito all’interno del Consiglio più acceso.

Un tapering sia pure graduale rischia di essere una scelta inevitabile se il Consiglio non si accorderà su modifiche ai parametri di intervento sui titoli di Stato, data la scarsità di carta tedesca.
Un’estensione del programma ad altre categorie di asset, come le obbligazioni bancarie, non consentirebbe comunque alla BCE di andare avanti a lungo ai ritmi attuali e potrebbe comportare una riduzione degli acquisti di governativi.
La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutti gli articoli su: intesasanpaolo , bce , politica monetaria , tapering
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Smart working: cos'è e come funziona il lavoro agile

Smart working: cos'è e come funziona il lavoro agile

Per legge italiana è il lavoro agile. Per quasi tutti è lavorare da casa. Vediamo cos'è lo smart working, il modo di lavorare che può cambiare la vita Continua »

da

ABCRisparmio

Come detrarre asilo, scuole e università dal modello 730

Come detrarre asilo, scuole e università dal modello 730

Nella dichiarazione dei redditi è possibile detrarre le spese per istruzione. Tra queste ci sono quelle per l'asilo, le scuole e l'università. Continua »