NAVIGA IL SITO

Banche e TLTRO: chi ci guadagna?

Ha colpito l’attenzione di molti la reazione negativa delle banche europee agli annunci (in apparenza, favorevoli) arrivati dalla Bce di recente. Torniamo sul tema delle TLTRO

di Valter Buffo 27 mar 2019 ore 09:37

Commento giornaliero di recce-d.com

 

banca-centrale-europea_1Come abbiamo scritto fin da lunedì scorso, ha colpito l’attenzione di molti la reazione negativa delle banche europee agli annunci (in apparenza, favorevoli) arrivati dalla Bce di recente: di sicuro, non siamo tornati indietro ai tempi del “bazooka di Draghi”. Restando alle banche di Eurozona, ieri abbiamo presentato una sintetica serie di dati, allo scopo di chiarire meglio al lettore lo stato degli affari in Borsa per il settore bancario.

Oggi ritorniamo sul tema TLTRO, cui già abbiamo fatto cenno lunedì, per capire meglio il perché di una reazione negativa dei titoli: reazione negativa che viene citata anche in chiusura del brano che abbiamo scelto per voi oggi e che risale proprio al giorno successivo agli annunci di Draghi.

The new scheme announced by the ECB on Thursday will start in September and end in March 2021. Each operation will have a two-year maturity. Nick Wall, a fund manager at Merian Global Investors, said the lack of demand from European borrowers meant that the ECB was “pushing on a string” by launching the new loans. “This helps at the margins by keeping the cost of credit cheap, but the issue in Europe has been demand for credit,” he said. In recent years the ECB has pumped €700bn into eurozone banks’ balance sheets via cheap loans. The last round, dubbed Targeted Longer-Term Refinancing Operations or TLTRO for short, was launched in mid-2016 and its loans are due to mature next year and in 2021, a development which would have left banks searching for an alternative source of funds. Banks have already stepped up their fundraising in the past year, selling €300bn of bonds in the year to end-February according to figures from data provider Refinitiv. That was the largest amount since March 2015. Fabio Bassi, European rates strategist at JPMorgan, said that Italian banks in particular were likely to benefit from the ECB’s new lending programme. Some 55 per cent of the last TLTRO went to banks in Italy and Spain, according to JPMorgan figures. Shares across the European banking sector fell on Thursday, as the ECB pushed back its horizon for raising interest rates, but the details of the new lending programme were a boon for Italian lenders. Falls at UniCredit (-3 per cent) and Intesa Sanpaolo (-2.2 per cent) were less than the average 3.3 per cent.

Del brano a noi in particolare sembrano rilevanti due affermazioni:

  • Il fatto che in Eurozona il problema non sembra essere quello della disponibilità del credito, quanto piuttosto quello della scarsa domanda di credito
  • Il fatto che di queste operazioni sono state, e probabilmente saranno, maggiori beneficiarie le banche italiane, come ci dice anche il grafico più in basso


Due temi sui quali ritorneremo con un approfondimento.

bce-tltro-2

Fonte: FT

 

Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 27 marzo 2019, abbiamo trattato i seguenti temi:

  1. L’indice della Borsa di Shanghai in calo verso quota 3000 punti
  2. Importanti dati ieri dagli Stati Uniti per il settore immobiliare
  3. Importante anche il calo dell’indice di fiducia dei consumatori
  4. SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana sul piano operativo ci occupiamo del trio di segnali, ovvero la volatilità, l’euforia e le valutazioni di Borsa
  5. SEZIONE L'ANALISI    il tema della nostra Analisi sarà questa settimana la recessione di cui tutti scrivono e discutono: si è avvicinata?

 

recced-logo_1

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà
Tutte le ultime su: recced , bce
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.