NAVIGA IL SITO

Azionario, ottimismo eccessivo?

Secondo Hans-Jörg Naumer (AllianzGI) sulla base di alcuni indicatori di forza relativa, le azioni attraverserebbero una fase di forte ipercomprato nelle principali aree geografiche

di Redazione Soldionline 24 gen 2020 ore 11:33

grafico-quotazioni-borsaA differenza di quanto segnalato da Peter Van der Welle, strategist del team Global Macro multi-asset di Robeco (L’azionario potrebbe ripetere le performance del 2019?), Hans-Jörg Naumer - Director, Global Capital Markets & Thematic Research di AllianzGI – ritiene eccessivo l’ottimismo che pervade i mercati azionari.

Secondo l’esperto, infatti, sulla base di alcuni indicatori di forza relativa, le azioni attraverserebbero una fase di forte ipercomprato nelle principali aree geografiche.

Nell’analisi seguente Hans-Jörg Naumer fornisce maggiori dettagli su questa affermazione.

 

Il 2020 si è aperto nel migliore dei modi per i mercati, indubbiamente sostenuti dagli sviluppi sul fronte geopolitico, poiché la firma dell’accordo di “Fase 1” tra USA e Cina ha alleviato le tensioni. Inoltre, gli operatori di mercato hanno mostrato un certo ottimismo sulla crescita.

Effettivamente, crescita e geopolitica sono interconnesse: quando il rischio geopolitico si riduce, le spese per investimenti tendono ad aumentare. E un incremento degli investimenti appare piuttosto necessario, dato che la recente decelerazione economica è ascrivibile essenzialmente all’andamento del settore manifatturiero. Tale fenomeno ha portata globale e coinvolge gli USA, l’Europa e i mercati emergenti senza eccezioni. Infatti in dicembre il nostro indicatore macroeconomico globale è salito per la prima volta in otto mesi, trainato dagli Stati Uniti.

Al momento gli investitori sono impegnati in uno “shopping sfrenato”, come dimostrano non solo le quotazioni azionarie ma anche l’aumento dei “tori” tra gli investitori retail e la crescente propensione a sovrappesare le asset class più rischiose emersa dalla nostra indagine tra gli investitori professionali.

 

L’ottimismo ha degli effetti collaterali, alcuni piuttosto sgradevoli.

Il fatto che il nostro indicatore dell’“esuberanza” sui mercati azionari, che misura la relazione tra il P/E (rapporto prezzo/utili) dell’S&P 500 e la volatilità dei corsi negli USA, si attesti oltre una deviazione standard al di sopra della media di lungo periodo registrata dagli anni ’90, potrebbe suggerire una perdita di contatto con la realtà. Questa probabilmente è la ragione principale della debolezza dei mercati azionari martedì scorso. Gli osservatori suggeriscono che le azioni abbiano risentito della diffusione del nuovo coronavirus in Cina.

Tuttavia, la ricerca di stabilità sembra una spiegazione più probabile. Infatti, in base ai nostri indicatori di forza relativa, le azioni attraversano una fase di forte ipercomprato nelle principali aree geografiche (si veda il Grafico della settimana).

Mercati in ipercomprato e elevato numero di “tori”: c’è da chiedersi chi dovrebbe acquistare azioni se tutti lo hanno già fatto! Meglio diffidare dell’eccessivo ottimismo ed attenersi ai fatti.

 

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutte le ultime su: previsioni 2020 , mercato azionario
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Cosa è il Durc e a chi serve

Il Durc (Documento Unico di Regolarità Contributiva), serve ad attestare la regolarità dei versamenti dovuti a Inps e Inail

da

ABCRisparmio

Cosa sono (e quali sono) le categorie catastali

Cosa sono (e quali sono) le categorie catastali

Le categorie catastali sono una classificazione degli immobili urbani che indica la destinazione d'uso degli immobili stessi. Ecco cosa e quali sono. E a cosa servono Continua »