NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » obbligazioni italia » Misuriamo il rischio al BTP 2037

Misuriamo il rischio al BTP 2037

Nelle ultime settimane si è sensibilmente ridotta la grande tensione sui titoli di stato italiani, con lo spread Btp-Bund arrivato quasi a quota 300 punti base. Mettiamo sotto la lente il Btp 2037

di Mauro Introzzi 7 mar 2012 ore 11:01
Nelle ultime settimane si è sensibilmente ridotta la grande tensione sui titoli di stato italiani, con lo spread tra il decennale nostrano e il Bund tedesco di pari durata arrivato quasi a quota 300 punti base, ai minimi da vari mesi. Mentre il poco ambito scettro del peggiore della classe sembra essere passato in queste ore al Bonos spagnolo, analizziamo con MoneyController il livello di rischio del BTP con scadenza per il 1° febbraio 2037.

CONSULTA ANCHE la scheda delle quotazioni del BTP-1FEB2037 4%

La simulazione evidenzia questi risultati:


Risultati dell’analisi

Rendimento atteso

4.83%

Rischio (V.a.R 1 anno)

11.5%

Rischio (Deviazione standard)

10.33%

Rischio (indice di Sharpe)

0.23








Il rendimento atteso annuo è pari al 4,83%. Ricordiamo che il rendimento atteso esprime una probabilità di rendimento futuro, proiettando i dati del passato.

Il Value at Risk a un anno del BTP in questione è pari al’11,5%. Il VAR esprime la perdita massima che il portafoglio può generare, con una approssimazione del 95%. In tabella seguente i valori a 15 giorni (3.11%), 3 mesi (6.83%) e un anno (11.5%):

var-btp-2037

La deviazione standard di questi risultati è pari a 10.33%. Ricordiamo che la deviazione standard misura la volatilità: più il dato è elevato, quindi, più il valore dell’asset subirà oscillazioni sia in positivo che in negativo al variare delle condizioni di mercato.

PER APPROFONDIMENTI: Investimenti e rischio: deviazione standard e VaR

Tutti gli articoli su: btp , misura il rischio Quotazioni: BTP-1FB37 4%

da

Soldi e Lavoro

La cassa integrazione nel primo trimestre 2014

La cassa integrazione nel primo trimestre 2014

Esplode la richiesta di Cig, con oltre 100 milioni di ore registrate lo scorso mese, ben oltre gli 80 milioni mediamente conteggiati da gennaio 2009 ad oggi. In un'infografica i dati Cgil sulla Cig Continua »

da

ABC Risparmio

Lo spesometro entra nel vivo

Lo spesometro entra nel vivo

Il nuovo strumento in mano del Fisco per controllare le spese dei contribuenti inizia ad avere i primi dati su cui indagare. Avrà anche funzioni deterrenti, ma nel mirino andranno le spese più corpose Continua »