NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » obbligazioni italia » IL RENDIMENTO DEL BOT ANNUALE BALZA AL 6,087%

IL RENDIMENTO DEL BOT ANNUALE BALZA AL 6,087%

di Edoardo Fagnani 10 nov 2011 ore 11:09 Le news sul tuo Smartphone
La Banca d’Italia ha comunicato che nell’asta di oggi dei Bot con scadenza 15 novembre 2012 (Quotazioni BOT) sono stati collocati tutti i titoli offerti dal ministero dell’Economia e delle Finanze (5 miliardi di euro l’ammontare complessivo). La domanda è stata sostenuta, con 9,95 miliardi di euro di titoli richiesti. Il rapporto di copertura (rapporto tra ammontare richiesto e quantitativo offerto) è stato di 2, in forte aumento rispetto all’1,88 dell’asta di ottobre. Il rendimento lordo di aggiudicazione è balzato al 6,087%, che equivale a un prezzo di aggiudicazione di 94,172.
Secondo le elaborazioni di Assiom Forex, supponendo l’applicazione di commissioni massime, il rendimento composto netto (minimo) del BOT annuale è pari al 4,957%.

Nella precedente asta di ottobre il rendimento dei Bot annuali era stato pari al 3,57%. In quell’occasione le richieste erano state pari a 13,13 miliardi di euro, su un ammontare offerto di 7 miliardi.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: bot
da

SoldieLavoro

TFR, Trattamento di Fine Rapporto: la guida completa

TFR, Trattamento di Fine Rapporto: la guida completa

Il TFR: cos'è, come si calcola, come si destina (azienda o fondo?), come si chiede un'anticipazione, come viene liquidato e tassato, chi lo gestisce e cosa succede se l'azienda fallisce Continua »

da

ABCRisparmio

Quali sono le offerte d’autunno per risparmiare sul riscaldamento?

Quali sono le offerte d’autunno per risparmiare sul riscaldamento?

Con il cambio stagione arriva il rischio di vedere la bolletta del gas gonfiata a causa dell’utilizzo del riscaldamento. Per questo può essere vantaggioso vagliare le proposte del mercato libero Continua »