NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » mercati esteri » Bond Spagna, balzo dei rendimenti per i titoli a tre e sei mesi

Bond Spagna, balzo dei rendimenti per i titoli a tre e sei mesi

di Edoardo Fagnani 26 giu 2012 ore 11:18 Le news sul tuo Smartphone
La Spagna ha collocato titoli di stato con scadenze a 3 e 6 mesi per un ammontare di 3,08 miliardi di euro.
Nel dettaglio, il governo iberico ha collocato titoli a tre mesi per un ammontare complessivo di 1,6 miliardi di euro, rispetto a una richiesta di circa 4,16 miliardi. Il rapporto di copertura (rapporto tra ammontare richiesto e quantitativo offerto) si è attestato a 2,6, rispetto al 3,9 del precedente collocamento. Il rendimento lordo offerto dal bond è stato fissato al 2,362%, in forte aumento rispetto allo 0,846% della precedente asta.
Il titolo con scadenza a sei mesi ha ricevuto richieste per 4,17 miliardi di euro, rispetto a un’offerta di 1,48 miliardi. Il rapporto di copertura si è attestato a 2,8, rispetto al 4,3 della precedente asta. Il rendimento lordo offerto dal titolo è stato fissato al 3,237%, in crescita rispetto all’1,737% del precedente collocamento.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: bond spagna
da

Soldi e Lavoro

Pensione anticipata, arriva ‘Rita’: addio pensione integrativa?

Pensione anticipata, arriva ‘Rita’: addio pensione integrativa?

Le ultime novità in tema di pensione anticipata arrivano dalle ultime news trapelate da Palazzo Chigi, novità destinate certamente a far discutere i lavoratori Continua »

da

ABC Risparmio

Conti correnti a zero spese: i migliori di giugno

Conti correnti a zero spese: i migliori di giugno

Cerchi un conto corrente conveniente? Questi prodotti potrebbero interessarti. Ecco i migliori conti correnti a zero spese di giugno 2016: Che Banca!, ING Direct e Widiba a confronto Continua »