NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Macroeconomia » Occupazione Usa: in calo di 33mila i posti di lavoro a settembre

Occupazione Usa: in calo di 33mila i posti di lavoro a settembre

di Mauro Introzzi 6 ott 2017 ore 14:30 Le news sul tuo Smartphone

america-bandieraSecondo quanto dichiarato del ministero del lavoro americano nel mese di settembre 2017 sono stati persi dall’economia Usa 33mila posti di lavoro. Delusi gli analisti, che prevedevano una crescita, con stime comprese tra 75 mila e 130mila unità. A pesare sul dato gli uragani di queste ultime settimane, Harvey e Irma, che hanno frenato alcune assunzioni.
Si tratta della prima contrazione degli ultimi 7 anni.

Il tasso di disoccupazione è calato al 4,2% dal 4,4%, precedente. In questo caso gli economisti si attendevano una conferma. Si tratta del minimo dal dicembre 2000.

Lo stipendio medio orario è salito di 12 centesimi (lo 0,5%) a 26,55 dollari, rispetto a agosto. Rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, l’incremento è stato del 2,9%.

La settimana lavorativa media è rimasta invariata a 34,4 ore.

Le nuove buste paga di agosto e  luglio sono state riviste. Le prime da +156mila a +169mila e le seconde da +189mila a +138mila.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: macroeconomia usa
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Un reddito uguale per tutti, ricchi e poveri, non soggetto a condizioni o prove. E nemmeno a promesse di impegno lavorativo. E' questo, il reddito di cittadinanza Continua »

da

ABCRisparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »