NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » La posizione rispetto all'Europa ritorna a essere leggermente più offensiva

La posizione rispetto all'Europa ritorna a essere leggermente più offensiva

Giudichiamo positivi i risultati del recente vertice europeo relativi alla soluzione da adottare per salvare il sistema bancario spagnolo

di Redazione Soldionline 4 lug 2012 ore 14:51

Articolo a cura di Swisscanto

Giudichiamo positivi i risultati del recente vertice europeo relativi alla soluzione da adottare per salvare il sistema bancario spagnolo. Per quanto riguarda l’iniziativa per la crescita, la politica europea ha dimostrato capacità d'azione. Forse è stato fatto un importante passo verso il superamento della crisi del debito europeo.

Le decisioni emerse dal più recente vertice di Bruxelles hanno portato a un allentamento della pressione sui mercati e pertanto a un ritorno alla propensione al rischio, perlomeno sul breve termine. Permane altresì il rischio che si tratti di una distensione solo temporanea. Un ritorno all'avversione al rischio è possibile in qualsiasi momento, perché l'Italia potrebbe essere la prossima nazione a finire al centro dell'interesse dei mercati. Per il resto dell'anno in corso, gli indicatori economici della penisola segnalano il pericolo di una recessione, più profonda di quanto originariamente atteso. Si giungerà a una soluzione definitiva della crisi del debito europeo solo se si delineerà un miglioramento della competitività dei paesi altamente indebitati, ma finora tale caso non si è ancora verificato.

I titoli di Stato italiani e spagnoli continuano a essere classificati come troppo rischiosi. Siamo tuttavia consapevoli del fatto che in questo caso si può giungere a un rally intermedio o persino a una svolta.

A fronte dei risultati del vertice, abbiamo aumentato leggermente la nostra esposizione delle azioni europee in base alle loro valutazioni allettanti
In ambito azionario prevediamo, perlomeno nel frattempo, una diminuzione dell'elevata avversione al rischio a seguito di una leggera riduzione dei rischi politici di origine europea. Tuttavia, non è ancora chiaro se il vertice appena concluso sarà effettivamente l'ultimo della serie di vertici di crisi europei o se la situazione dei mercati si inasprirà nuovamente. L’esposizione alle azioni europee, sinora neutrale, verrà leggermente aumentata. Manteniamo l'attuale sovraesposizione alle azioni USA perché, nonostante alcune ricadute, la ripresa economica d'Oltreoceano prosegue a ritmo moderato.


 A causa del leggero offuscamento della situazione economica, riduciamo a una esposizione neutrale i sovrappesi minimi su Asia (Giappone escluso) e America Latina; ciò favorirà le azioni giapponesi che, dopo un debole andamento dei corsi nel secondo trimestre 2012, sono ora nuovamente convenienti come ai tempi dei minimi registrati nel 2009.

Investimenti in valuta

Rispetto a tutte le altre monete, il franco svizzero rimane fondamentalmente sopravvalutato. Per quanto riguarda la nostra allocazione, recentemente avevamo sovrappesato il dollaro USA. Dopo un'evoluzione positiva, tale sovrappeso verrà dimezzato.

Svolte
I risultati positivi del recente vertice sulla crisi riguardano il sostegno alle banche spagnole senza che vada a gravare direttamente sul bilancio statale iberico, nonché l'assicurazione che in caso di una ristrutturazione del debito, a differenza di quanto avvenuto con la Grecia a beneficio della BCE, tutti i gli investitori otterranno un trattamento identico e non discriminatorio. La messa in comune dei debiti europei passa pertanto, per così dire, dalla porta di servizio, ossia senza l'introduzione degli eurobond, rifiutati oggi come ieri con veemenza dalla cancelliera tedesca Merkel ("Niente eurobond finché vivrò"). In Germania, a fronte di tale sviluppo, potrebbe verificarsi una svolta nell'andamento dei tassi: i rendimenti a lungo termine hanno già iniziato a crescere rispetto ai livelli estremamente bassi. Al contempo, l'economia potrebbe aver toccato il punto più basso, o esservi vicina.

Tutti gli articoli su: europa , spagna
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Un reddito uguale per tutti, ricchi e poveri, non soggetto a condizioni o prove. E nemmeno a promesse di impegno lavorativo. E' questo, il reddito di cittadinanza Continua »

da

ABCRisparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »