NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » forex commodities » Prezzo dell’oro: oggi come un anno fa

Prezzo dell’oro: oggi come un anno fa

Venerdì 13 luglio il prezzo dell’oro in dollari ha fatto qualcosa che era riuscito a fare soltanto altre 7 volte negli ultimi 11 anni

di Redazione Soldionline 19 lug 2012 ore 14:09
bullionvaultDi Adrian Ash - BullionVault

Venerdì 13 luglio il prezzo dell’oro in dollari ha fatto qualcosa che era riuscito a fare soltanto altre 7 volte negli ultimi 11 anni.
Il prezzo dell’oro venerdì scorso è infatti tornato allo stesso livello di dodici mesi prima: chi avesse comprato oro in dollari il 13 luglio 2011, non avrebbe quindi avuto nemmeno un centesimo di profitto. Il valore sarebbe stato identico, almeno in termini di dollari, secondo il fixing di Londra di venerdì mattina a $1579 all’oncia.
Per dirla tutta, da quel momento ad oggi chiunque avesse comprato oro, per assicurare il proprio capitale o per speculazione, avrebbe probabilmente pagato un prezzo più alto rispetto a quello di venerdì o di un anno fa.
Negli ultimi dodici mesi infatti il prezzo dell’oro in dollari è stato più alto rispetto ai $1597 di venerdì mattina per 227 giorni. La metà durante il 2011, l’altra metà nel 2012. Soltanto per 25 giorni l’oro aveva invece un prezzo più basso rispetto a quello di venerdì. Persino il breve exploit a $1595 ha lasciato l’oro ben al di sotto delle medie dell’ultimo anno.

oro_euro_dollaro

Se paragoniamo il prezzo dell’oro in dollari con il prezzo in euro, si nota che in euro il prezzo è stato più alto soltanto per 45 giorni. Considerando il fixing a €1.300 all’oncia di venerdì pomeriggio, l’oro ha guadagnato il 16% per gli acquirenti dell’Eurozona negli ultimi 12 mesi.
Perché questa differenza? Prima di tutto c’è da considerare quanto l’euro abbia perso contro il dollaro. Come conseguenza, un investimento il cui valore è rimasto invariato per gli statunitensi, è invece salito per gli italiani, i francesi, i tedeschi, e tutti gli altri che provengono dagli altri 14 stati membri. Gli elementi che hanno provocato la perdita dell’euro evidenziano sia le ragioni per le quali gli investitori europei stiano comprando oro, sia in che modo lo stesso sarà in grado di offrire loro la protezione che cercano.

Tutti gli articoli su: commodities , oro

da

Soldi e Lavoro

Assunzioni: le figure più richieste nel 2014

Assunzioni: le figure più richieste nel 2014

Economisti e ingegneri elettronici si confermano anche per il 2014 al top della domanda di profili di laureati espressa dalle imprese. In un'infografica i dati di Unioncamere sulle assunzioni previste Continua »

da

ABC Risparmio

La Tasi costa meno dell’Imu

La Tasi costa meno dell’Imu

Rispetto al gettito Imu del 2012 quello della Tasi 2014 sarà inferiore del 29,3%. Possibile calo anche per il numero dei contribuenti effettivi. Le stime del Dipartimento delle Finanze. Continua »