NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » forex commodities » No ai posizionamenti di medio periodo

No ai posizionamenti di medio periodo

Ci stanno arrivando conferme di come gli investitori a livello globale non appaiano ancora pronti a concentrarsi sull’analisi macroeconomica pura per prendere posizionamenti strategici sui vari mercati

di Redazione Soldionline 2 apr 2012 ore 09:54
Articolo a cura di FXCM

Ci stanno arrivando conferme di come gli investitori a livello globale non appaiano ancora pronti a concentrarsi sull’analisi macroeconomica pura per prendere posizionamenti strategici sui vari mercati. Certo, ci verrebbe da dire, i problemi e le variabili che potrebbero influenzare ancora l’andamento della congiuntura sono talmente numerosi che nessuno è ancora pronto a rischiare nulla, d’altronde lo sappiamo che il mercato (che per quanto riguarda il valutario si muove per circa il 70% del tempo in laterale) ‘può portare grossi benefici (o al contrario grosse perdite) nel momento in cui parte un movimento direzionale, che va a spostare sostanzialmente gli equilibri di medio periodo intorno ai quali si svilupperanno i momenti di congestione e questo è un rischio che deve essere evitato, in quanto poco prevedibile e gestibile. Molto meglio, secondo gli operatori, concentrarsi sul breve periodo ed affidarsi all’analisi dei livelli tecnici più importanti per prendere decisioni di investimento. E anche quando passiamo al macro, la concentrazione degli attori di mercato è rivolta alla politica monetaria dei diversi Paesi, piuttosto che sui dati rappresentativi degli andamenti economici. Con gli emergenti e la Cina che sembra abbiano la rotta disegnata e già scontata dagli analisti, le altre economie degne d’attenzione risultano essere in una situazione da “mal comune mezzo gaudio” che non è in grado di farne preferire una all’altra mentre a livello di decisioni critiche e non convenzionali a sostegno dell’economia, da speculare (a livello di analisi) ce n’è e questo sembra essere il vero market mover del momento, che probabilmente potrà continuare ancora per diverso tempo. Dal meeting dell’Ecofin che si è tenuto durante il week end i ministri finanziari hanno in sostanza confermato la volontà di aumentare il firewall europeo, ma dal ministro tedesco sono arrivati ammonimenti secondo i quali non sarà sufficiente questo per ridare fiducia agli investitori, ma serviranno riforme strutturali serie in grado di veicolare la fiducia di imprese, consumatori ed investitori.

eurusd_129
EurUsd – grafico 240 min

Tutti gli articoli su: fxcm , forex

da

Soldi e Lavoro

La fattura elettonica tra privati in vigore dal 2017

La fattura elettonica tra privati in vigore dal 2017

Il fisco punta sulla svolta digitale. La fattura elettronica, ora obbligatoria per chi tratta con la Pubblica Amministrazione, diventerà una scelta possibile anche nelle transazioni tra privati Continua »

da

ABC Risparmio

Come proteggere i risparmi dalla crisi

Come proteggere i risparmi dalla crisi

Per investire in modo sicuro bisogna prima capire i motivi per cui si risparmia, il rischio che siamo disposti a correre, il mix di prodotti da inserire nel portafoglio Continua »