NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Forex e Commodities » Nervosismo. L’oro ne è testimone

Nervosismo. L’oro ne è testimone

Ieri, sono arrivate ulteriori conferme che vanno a solidificare le preoccupazioni del presidente della Federal Reserve

di Redazione Soldionline 5 set 2012 ore 10:04

Articolo a cura di FXCM.it

Chi è nostro lettore abituale si ricorderà come abbiamo cominciato questo mese di settembre. Non ci riferiamo al fatto che, come ogni settembre, si parte con il primo lunedì del mese con l’America chiusa a causa della festività dedicata al Labour Day, bensì alla presa di coscienza che abbiamo manifestato su queste pagine, circa il ritorno dell’importanza dei dati macroeconomici come potenziali market mover più incisivi rispetto a quanto successo negli ultimi mesi (quando parlavamo di effetto traslazione delle buone o cattive notizie sull’appetito/avversione al rischio in generale). Situazione che potrebbe durare fino a metà della prossima settimana, quando la Fed potrà pronunciarsi su un ulteriore quantitative easing, per decidere il quale avrà comunque bisogno di analizzare attentamente le ultime rilevazioni economiche che stanno mostrando un, non ancora brusco, ma abbastanza pronunciato, rallentamento della ripresa a stelle e strisce, risultato anche di tutti gli squilibri che si stanno vivendo a livello mondiale, Europa in testa. E ieri, sono arrivate ulteriori conferme che vanno a solidificare le preoccupazioni del presidente della Federal Reserve, in quanto, oltre alla mercato del lavoro in forte stallo e molto lontana dalla soglia ottimale di piena occupazione, anche i dati sul settore manifatturiero hanno continuato a rimanere lontani dai lidi che portano ottimismo agli analisti ed al mercato, mantenendosi in, se così possiamo definirlo, territorio negativo. O per lo meno, percepito tale, in quanto esiste una soglia che viene considerata lo spartiacque tra espansione e contrazione economica e questa è rappresentata dal 50. L’ISM, giratosi negativo nel mese di luglio, ha accelerato nuovamente a ribasso, attestandosi a 49.6, sotto quella soglia che, per il mese corrente, rappresentava anche l’aspettativa degli operatori di mercato.

eurusd_186

EurUsd – grafico H4
   

Il risultato è stata una discesa delle borse a livello generale, continuata anche questa notte in Asia, con il dollaro e lo yen giapponese a ricoprire il ruolo di valute da ricoperture nel momento in cui ci si vuole rifugiare su attività finanziarie sicure, a cui ha fatto compagnia anche il metallo giallo, in grado di rimanere sopra i supporti di breve periodo più importanti, che passano intorno a 1,685.00, mostrando un segno di potenziale ritorno allo status di bene rifugio e considerando che negli ultimi sei mesi, se la memoria non ci inganna, questo è accaduto soltanto quattro o cinque volte, esso può essere considerato un segnale importante che misura il grado di preoccupazione dei mercati, evidentemente alto. Anche i dati australiani hanno continuato a pesare sui mercati facendo scendere l’aussie e le dichiarazioni che sono arrivate da parte di un quotidiano tedesco, secondo cui per la Corte Costituzionale l’ESM risulterebbe anticostituzionale non hanno certo aiutato la moneta unica europea.

EurUsd

La correzione dell’euro ha fatto si che l’obiettivo di 1.2675 si allontanasse velocemente, avvicinando però un altro livello in grado di avere un ruolo nella giornata di oggi. Un grafico con candele a 4 ore evidenzia come il movimento delle ultime due settimane sia racchiuso in un canale il cui estremo inferiore passa a 1.2530, indicato dalla trendline positiva che è stata verificata con precisione il 31 agosto scorso. Rotto questo eventuale supporto l’obiettivo primario della moneta unica si trova una figura al di sotto, 1.2430.

UsdJpy
Come spesso è accaduto i questi ultimi mesi, non abbiamo molto da dire sul cambio UsdJpy. Lo scenario visto ieri, ovvero di una resistenza individuata a 78.80 e di un supporto a 78 figura, è del tutto valido.

EurJpy
I movimenti della moneta unica di ieri hanno permesso un calo anche del cambio EurJpy, non in grado però di interrompere quel movimento laterale che con estrema precisione continua da due settimane esatte. Anche per oggi, quindi, la massima attenzione va riposta in 98 e 99 (sempre con un eventuale obiettivo di una figura).

GbpUsd
Incredibilmente la sterlina, contro dollaro, ha verificato perfettamente ieri il massimo di 1.5910 ripiegando poi in seguito di qualche punto. Continuiamo, a questo punto, ad indicare il livello come fondamentale per una continuazione della tendenza positiva oramai in atto sul cambio da qualche settimana.

AudUsd
Alla fine il supporto indicato come fondamentale, 1.0220, non ha retto alla tendenza negativa in atto da un mese esatto, aprendo quindi la strada ad un ulteriore calo del dollaro australiano. Fibonacci, a cui abbiamo fatto riferimento anche ieri, indica in 1,01 (il 50% di correzione del movimento positivo compiuto fra inizio giugno ed inizio agosto) il prossimo livello obiettivo lontano meno di una figura dai prezzi attuali.

GER30
Il Ger30 ha rotto ieri il livello di supporto dinamico di 6,980, portando ad un calo dell’indice. Cali di questo genere possono essere possibili anche nelle prossime ore, mentre un test della forte area di supporto di 6,880 (un grafico orario chiarisce l’importanza di questo livello sino da inizio agosto) dovrebbe far preoccupare maggiormente, dato che oltre questo livello potremmo assistere ad una correzione molto sostanziosa dell’indice tedesco.

ITA40
Il nostro indice di casa, ITA40, si è trovato ancora una volta, ieri, a fare i conti con una fortissima area di resistenza… purtroppo non riuscendo a superarla. Parliamo di 15,350, livello visto in più occasioni verso il 20 di agosto scorso e da cui dipende l’eventuale ulteriore ripresa del nostro indice. Nel breve, oggi, fare attenzione anche al livello di supporto di 15,150.

Tutti gli articoli su: forex , fxcm , fed , macroeconomia , oro
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Libretto famiglia: cos'è e come funziona

Libretto famiglia: cos'è e come funziona

Per i lavori occasionali di cui una famiglia può avere bisogno. Come acquistarli e come pagare con i nuovi voucher del Libretto famiglia Continua »

da

ABCRisparmio

Riscatto della laurea: cos'è e come funziona

Riscatto della laurea: cos'è e come funziona

Il riscatto della laurea può essere costoso, bisogna capire se conviene. Da un po' di anni esiste la possibilità del riscatto low cost. Da fare subito, però. Continua »