NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » forex commodities » La Merkel dice no

La Merkel dice no

Siamo vicini all’inizio del summit di giovedì e venerdì, dal quale, guardando le diverse price action ci si aspetta qualcosa, ma in fondo in fondo non più di tanto e soprattutto, non qualcosa di concreto ed operativo nel breve termine

di Redazione Soldionline 27 giu 2012 ore 10:31
Articolo a cura di FXCM.it

Siamo vicini all’inizio del summit di giovedì e venerdì, dal quale, guardando le diverse price action ci si aspetta qualcosa, ma in fondo in fondo non più di tanto e soprattutto, non qualcosa di concreto ed operativo nel breve termine. E questo sarebbe veramente negativo e destabilizzante per la fiducia degli investitori e non solo, il che potrebbe non essere ancora l’evento scatenante di reazioni definitive e direzionali del mercato, ma che potrebbe porre le basi affinchè questo avvenga e, stando alle stime della Lagarde del FMI, i tre mesi prospettati per salvare l’euro non lasciano spazio ad ulteriori rimandi. Il problema è che la Merkel ha risposto indirettamente al piano che prevede l’introduzione degli eurobond da parte dell’Unione Europea presentato da Van Rompuy e che sarà sul tavolo dell’imminente vertice dicendo che fino a che sarà in vita, questo non accadrà. Non proprio le parole migliori in preparazione di questo incontro.  Tutto questo sta portando a movimenti di mercato molto volatili e nervosi, che rendono l’operatività di breakout la più profittevole, appunto nel breve periodo e ci attendiamo volatilità sostenuta fino a fine settimana. Attenzione dunque all’utilizzo della leva finanziaria, si raccomanda sempre di porre attenzione ad essa, ma in momenti particolari come questo occorre essere ancora più attenti.

eurusd_161
EurUsd – grafico orario

Tutti gli articoli su: forex , fxcm , angela merkel , fmi , eurobond

da

Soldi e Lavoro

La ripresa economica inizia nei distretti industriali

La ripresa economica inizia nei distretti industriali

Già in territorio positivo negli ultimi due anni, il fatturato dovrebbe crescere del 3,2% l’anno nel 2015 e nel 2016. In crescita anche la redditività. Più moderata invece la ripresa per le imprese Continua »

da

ABC Risparmio

In pochissimi hanno scelto il Tfr in busta paga

In pochissimi hanno scelto il Tfr in busta paga

Solo 6 lavoratori su 100 hanno chiesto di avere il Tfr in busta paga. L’83% preferisce lasciarlo in azienda. Lo dice uno studio di Confesercenti e da Swg. Nell’infografica che segue i dati principali Continua »