NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » economia politica » Su cosa investire durante la crisi

Su cosa investire durante la crisi

Ogni crisi ha tre fasi distinte: Rifiuto, Protesta, Nuovo mandato per un cambiamento reale. In questo momento siamo nel picco della fase due

di Redazione Soldionline 30 mag 2012 ore 14:17
Articolo a cura di Steen Jakobsen, Chief Economist di Saxo Bank

“Ogni crisi ha tre fasi distinte: Rifiuto, Protesta, Nuovo mandato per un cambiamento reale. In questo momento siamo nel picco della fase due”. Con queste parole Steen Jakobsen, Chief Economist di Saxo Bank, banca specializzata nel trading e negli investimenti online, definisce la situazione di crisi che sta colpendo l’Europa. Una situazione iniziata nel 2007 e che ha avuto il picco nel 2009, cui i governi hanno risposto con una politica definita “aspetta e spera”: rimandare continuamente il confronto inevitabile con il problema della solvibilità, stampando denaro e fingendo che questa fosse la soluzione reale alla crisi.

Steen Jakobsen definisce quattro possibili scenari conseguenti all’uscita della Grecia dall’Euro, e fornisce le implicazioni di investimento per ognuno di essi:

Riduzione dell’“Aspetta e spera” (probabilità del 35%): è la conseguenza di un default sregolato della Grecia, che lascerebbe l’UE senza pagare i propri debiti. Questa situazione porterebbe ad una forte pressione sui paesi periferici e il mercato (future STOXX 50) toccherebbe il minimo del 2009 a 1765. L’investimento ideale prevede un 50% del portafoglio in cash, un 25% in posizioni short su CFD su indici globali o locali e un restante 25% in obbligazioni corporate di alta qualità.

Continuazione dell’“Aspetta e spera” fino alla “giapponesizzazione” (probabilità del 45%): sarebbe l’incubo peggiore per la maggior parte delle persone in Europa e vedrebbe i governi continuare a tagliare i tassi e attuare misure di aumento della liquidità; un fallimenti non porterebbe necessariamente a un arresto (basti pensare al Giappone). In questa situazione è necessario avere assett class e un orizzonte temporale che protegga da crescita e rendimenti lenti: 25% su oro/argento, 15% su altre risorse tangibili quali prodotti agricoli ed energetici (ETF o CFD su commodity a seconda dell’orizzonte temporale di investimento), 25% in cash, 10% in obbligazioni corporate e 25% in azioni ad alto rendimento.

Germania per la salvezza (probabilità del 15%): per assicurare la sopravvivenza dell’unione attuale, la Germania, che ha sempre finito per supportare l’UE all’ultimo minuto, dovrebbe firmare una garanzia illimitata per il resto dell’Eurozona, misura non consentita dalla costituzione. Se, però, dopo l’uscita di due paesi dall’unione la Germania accettasse la formazione di un’Eurozona fiscale e la svalutazione della moneta unica, l’Europa sarebbe “salva”. In questo caso, Jakobsen consiglia un portafoglio diviso tra azioni di aziende solide (50%), Corporate Credits (25%) e bond italiani e spagnoli (25%); inoltre, essere short su EURUSD è un must in questo scenario.

Rivoluzione e guerra (probabilità del 5%): è la situazione meno probabile e prevede una perdita di fiducia nelle banche, nei governi e nella valuta locale, con conseguente avvicinamento al baratto. Non esiste una strategia di investimento veramente buona per questo scenario – comprare fisicamente oro, argento e altre risorse tangibili è l’unica soluzione.
Tutti gli articoli su: crisi , crisi europa , grecia

Commenti dal 1 al 1
(1)

Alessandro Dematteis martedì, 9 ottobre 2012

In cosa investire oggi

Il perdurare della crisi finanziaria ci ha tolto alcune certezze , magari non per sempre, ma sicuramente per molto tempo. Ecco 2 esempi:

il mattone è una garanzia. Purtroppo non è più cosi: per la prima volta a mia memoria quasi tutte le tipologie di abitazioni hanno subito una svalutazione e realizzare un profitto dalla vendita sta diventando una chimera a causa della mancanza di compratori (ci sarebbero ma è molto più difficile ottenere i mutui bancari)

Le grandi società , le grandi banche e figuriamoci gli stati.. no no questi non possono fallire. Compriamo le loro obbligazioni : ottimi rendimenti e rischio 0 ! Sarai d'accordo con è quasi superfluo commentare questa frase . Oggi i rischi ci sono e possono anche essere molto elevati.

Ma allora dove possiamo investire i risparmi ? Scoprilo qui http://investireoggi-consigli.blogspot.it/2012/08/investireoggi-consigli-concreti-di.html

n° 1
da

Soldi e Lavoro

Decreto Lavoro: i principali provvedimenti

Decreto Lavoro: i principali provvedimenti

Apprendistato, Contratti a Termine e di Solidarietà, Contributi e Maternità. In un'infografica i principali contenuti del Decreto Lavoro, su cui il governo ha messo la fiducia nelle scorse ore Continua »

da

ABC Risparmio

I migliori prestiti a confronto per comprare l’auto nuova o usata

I migliori prestiti a confronto per comprare l’auto nuova o usata

Son finiti i tempi in cui era possibile acquistare un’automobile in contanti. Qui un confronto tra i migliori prestiti per l’acquisto dell’auto e alcuni consigli per scegliere il finanziamento Continua »