NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » economia politica » Perché l’Italia viene ancora punita?

Perché l’Italia viene ancora punita?

Recentemente mi sono imbattuto nelle previsioni economiche per l’Italia e sono rimasto colpito da ciò che ho riscontrato, specialmente visto il livello attuale della rendita dei bond governativi

di Redazione Soldionline 17 lug 2012 ore 13:39
Articolo a cura di Peter Garnry Equity Strategist di Saxo Bank

Recentemente mi sono imbattuto nelle previsioni economiche per l’Italia e sono rimasto colpito da ciò che ho riscontrato – specialmente visto il livello attuale della rendita dei bond governativi italiani.
Senza esitazioni, la maggior parte degli investitori ritiene l’Italia un “paese problematico”, come Spagna, Irlanda, Portogallo e Grecia. Ma, osservando la previsione relativa al saldo di bilancio come percentuale del PIL nel 2012 e 2013, l’Italia è al secondo posto, superata solo dalla Germania. Chi l’avrebbe mai detto?

TUTTE LE NOTIZIE IN RETE SULL' ECONOMIA ITALIANA

eurozona

Inoltre, è interessante notare che sia Italia che Portogallo sembrano pagare un tasso di interesse relativamente più alto sui bond governativi a 10 anni rispetto ad altri paesi per i quali è previsto un deficit di bilancio. Credo che in molti rimarrebbero sorpresi nel notare questa enorme divergenza.

gdp_yearbold

È raro che nell’Eurozona i media si focalizzino sulle buone notizie. Ad esempio, non è stato detto molto sul fatto che l’Irlanda tornerà presto nel mercato dei bond come emittente di titoli di debito governativi. Allo stesso modo, il governo tecnico italiano ha implementato riforme con ampio supporto da parte dell’opposizione politica e dell
a popolazione in generale, ma non è stato ancora dato il giusto peso ai cambiamenti.

Tutti gli articoli su: mario monti , crisi italia

da

Soldi e Lavoro

La cassa integrazione nel primo trimestre 2014

La cassa integrazione nel primo trimestre 2014

Esplode la richiesta di Cig, con oltre 100 milioni di ore registrate lo scorso mese, ben oltre gli 80 milioni mediamente conteggiati da gennaio 2009 ad oggi. In un'infografica i dati Cgil sulla Cig Continua »

da

ABC Risparmio

Lo spesometro entra nel vivo

Lo spesometro entra nel vivo

Il nuovo strumento in mano del Fisco per controllare le spese dei contribuenti inizia ad avere i primi dati su cui indagare. Avrà anche funzioni deterrenti, ma nel mirino andranno le spese più corpose Continua »