NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » economia politica » Approvato il decreto sulla spending review

Approvato il decreto sulla spending review

di Edoardo Fagnani 6 lug 2012 ore 08:10 Le news sul tuo Smartphone
Il consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge sulla spending review (revisione della spesa pubblica). Con gli interventi odierni il risparmio per lo Stato sarà di 4,5 miliardi per il 2012, di 10,5 miliardi per il 2013 e di 11 miliardi per il 2014.

Secondo il Governo, l’eliminazione degli eccessi di spesa produrrà una serie di benefici concreti per i cittadini. Permetterà, anzitutto, di evitare l’aumento di due punti percentuali dell’IVA per gli ultimi tre mesi del 2012 e per il primo semestre del 2013.
Inoltre, grazie al risparmio ottenuto sarà possibile estendere la clausola di salvaguardia in materia pensionistica prevista dal decreto legge “Salva Italia” ad altri 55.000 soggetti, anche se maturano i requisiti per l’accesso al pensionamento successivamente al 31 dicembre 2011. Il Governo ha segnalato che l’importo a favore dei lavoratori “salvaguardati” è di 1,2 miliardi di euro (a partire dal 2014).
Infine, il decreto prevede stanziamenti per la ricostruzione delle zone danneggiate dal sisma. Cinquecento milioni sono stati già stanziati con il decreto d’urgenza per le zone terremotate. La spending review garantirà ulteriori risorse per due miliardi di euro, suddivisi equamente nel biennio 2013/2014.

Tutti gli articoli su: spending review

da

Soldi e Lavoro

La cassa integrazione nel primo trimestre 2014

La cassa integrazione nel primo trimestre 2014

Esplode la richiesta di Cig, con oltre 100 milioni di ore registrate lo scorso mese, ben oltre gli 80 milioni mediamente conteggiati da gennaio 2009 ad oggi. In un'infografica i dati Cgil sulla Cig Continua »

da

ABC Risparmio

Lo spesometro entra nel vivo

Lo spesometro entra nel vivo

Il nuovo strumento in mano del Fisco per controllare le spese dei contribuenti inizia ad avere i primi dati su cui indagare. Avrà anche funzioni deterrenti, ma nel mirino andranno le spese più corpose Continua »