NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » Azioni Italia » Risanamento, un'offerta per il complesso immobiliare SKY

Risanamento, un'offerta per il complesso immobiliare SKY

di Edoardo Fagnani 7 set 2012 ore 18:00 Le news sul tuo Smartphone
Il consiglio di amministrazione di Risanamento ha preso atto dell'offerta non vincolante per l'acquisto del 100% del capitale sociale di Sviluppo Comparto 3 (interamente posseduta per il tramite della controllata Milano Santa Giulia) pervenuta da Global Asset Capital, fondo californiano di private equity attivo principalmente negli Stati Uniti e in Europa nei settori delle telecomunicazioni, media ed immobiliare.
Sviluppo Comparto 3 è proprietaria del complesso immobiliare SKY, sul quale è allocato un debito che, alla data del 30 giugno 2012, ammonta a circa 194 milioni di euro. L'operazione proposta da Global Asset Capital, prevedrebbe il subentro del compratore in tutti i rapporti facenti capo alla stessa Sviluppo Comparto 3.

Il cda di Risanamento ha espresso parere favorevole in merito alla decisione della controllata Milano Santa Giulia di concedere a Global Asset Capital un periodo di esclusiva sino al 30 novembre 2012 al fine di consentire lo svolgimento delle attività di valutazione propedeutiche alla fase di negoziazione.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: risanamento Quotazioni: RISANAMENTO
da

Soldi e Lavoro

Novità pensioni precoci: grazie a chi si prodiga per noi

Novità pensioni precoci: grazie a chi si prodiga per noi

Le ultime novità sulle pensioni precoci dopo il colloquio con Tommaso Nannicini arrivano da un lavoratore precoce, Andrea detto il Toscano Continua »

da

ABC Risparmio

Busta Arancione: cos’è e come funziona

Busta Arancione: cos’è e come funziona

E' stata inviata da aprile a domicilio ad una prima platea ristretta di lavoratori. Ma l’Inps ha l’obiettivo di inviarla a circa 12 milioni di italiani, a tutti contribuenti Continua »