NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » Azioni Italia » Pronto rimbalzo per Piazza Affari

Pronto rimbalzo per Piazza Affari

Sono tornati gli acquisti sui bancari dopo i pesanti ribassi di ieri. Andamento negativo, invece, per Fondiaria, nonostante il ritorno all'utile nel primo semestre

di Edoardo Fagnani 3 ago 2012 ore 12:14
Indici in territorio positivo per Piazza Affari e in Europa nell’ultima seduta della settimana, dopo i pesanti ribassi registrati ieri.
Il FTSEMib registra un rialzo del 3,28%, mentre il FTSE Italia All Share sale del 3,13%. Segno più anche per il FTSE Italia Mid Cap (+1,81%) e il FTSE Italia Star (+1,67%). 

CONSULTA tutte le quotazioni dei titoli del FTSE MIB


Sono tornati gli acquisti sui bancari dopo i pesanti ribassi di ieri.
IntesaSanpaolo guadagna il 5,81% a 0,9925 euro, mentre Unicredit sale del 5,21% a 2,708 euro. Oggi si riuniranno i vertici delle due banche per l’esame dei risultati semestrali. Intanto, l’istituto guidato da Enrico Cucchiani ha comunicato che è stato perfezionato il buy back dei titoli, per un ammontare di oltre 1,65 miliardi di euro. Di conseguenza l’utile netto dell'istituto nel terzo trimestre 2012 registrerà un beneficio pari a circa 220 milioni di euro.

Andamento negativo, invece, per Fondiaria-SAI (-1,59% a 0,93 euro). La compagnia assicurativa ha chiuso il primo semestre del 2012 con un utile netto, esclusa la quota di terzi, di 7,57 milioni di euro, risultato che si confronta con il rosso di 61,91 milioni dello stesso periodo dello scorso esercizio. Al contrario, la raccolta premi totale è scesa da 6,04 miliardi a 4,93 miliardi di euro, in seguito alla forte contrazione subita dal ramo Vita (-37,9%). Secondo quanto scritto su Il Sole24Ore la procura di Torino avrebbe iscritto nel registro degli indagati alcuni ex amministratori di Fondiaria-SAI. L’accusa è di falso in bilancio e ostacolo all’attività di vigilanza.
Invariata Unipol.

Enel sale dell'1,28% a 2,21 euro. Il colosso elettrico ha chiuso i primi sei mesi del 2012 con ricavi per 40,69 miliardi di euro, in aumento del 6% rispetto ai 38,39 miliardi realizzati nella prima metà dello scorso anno. In contrazione, invece, il margine operativo lordo, che è sceso da 8,93 miliardi a 8,28 miliardi di euro (-7,2%). Escludendo i proventi non ricorrenti contabilizzati nella prima metà dello scorso anno il calo sarebbe stato del 2,7%. In flessione anche l’utile netto, che è passato da 2,31 miliardi a 1,64 miliardi di euro (-28,9%). Il risultato finale ha risentito dell’introduzione della Robin Hood Tax. A fine giugno l’indebitamento netto del colloso elettrico era cresciuto a 47,57 miliardi di euro, rispetto ai 44,63 miliardi di inizio anno. Nel corso della conference call a commento dei risultati semestrali, il numero uno di Enel, Fulvio Conti, ha ribadito l’obiettivo di ridurre l’indebitamento a 43 miliardi di euro entro fine 2012. Non si sono fatti attendere i giudizi degli analisti. UBS ha tagliato da 2,65 euro a 2,5 euro il prezzo obiettivo su Enel. Gli esperti hanno confermato il giudizio “Neutrale”.

Tutti gli articoli su: piazza affari , intesasanpaolo , fondiaria sai Quotazioni: INTESA SANPAOLO ENEL

da

Soldi e Lavoro

Cgil: lavora solo un italiano su due

Cgil: lavora solo un italiano su due

Meno di un italiano su 2 ha un impiego. L'italia ha un tasso di occupazione del 48,7%, superiore solo a quello della Grecia. In un'infografica il tasso di occupazione in Italia Continua »

da

ABC Risparmio

La tassazione del lavoro autonomo occasionale svolto all'estero

La tassazione del lavoro autonomo occasionale svolto all'estero

Come classificare i redditi da lavoro autonomo occasionale svolto all'estero e come tassarli senza rischiare controlli del Fisco in attesa in una vera e propria normativa ad hoc Continua »