NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » Azioni Italia » Monte dei Paschi di Siena (+17,6%) guida il rialzo delle banche

Monte dei Paschi di Siena (+17,6%) guida il rialzo delle banche

di Edoardo Fagnani 17 ago 2012 ore 17:59 Le news sul tuo Smartphone
Ancora acquisti sui bancari.
Spicca il balzo di Monte dei Paschi di Siena che è salito del 17,6% a 0,216 euro, con volumi nettamente superiori alla media delle ultime trenta sedute. MF ha riportato le dichiarazioni del presidente dell’istituto toscano, Alessandro Profumo. Secondo il manager, la fondazione MPS, azionista di controllo della banca con una quota del 36,3% del capitale, dovrebbe ridurre ulteriormente la partecipazione. Inoltre, il manager ha dichiarato che, con il ritorno alla redditività, l’istituto potrà pensare di tornare a distribuire il dividendo.
Unicredit ha messo a segno un rialzo dell’1,54% a 3,17 euro. Nel corso di un’intervista pubblicata sul quotidiano La Repubblica, il numero uno della banca, Federico Ghizzoni, ha dichiarato che, sulla base dell’attuale situazione dei mercati, risulta molto difficile che banche internazionali siano interessate a investire in altri istituti di dimensioni significative. Di conseguenza, il manager ritiene che non vi siano pericoli di una scalata a Unicredit.
IntesaSanpaolo ha registrato un progresso dell’1,03% a 1,174 euro.
Performance decisamente positive anche per Mediobanca (+6,15% a 3,35 euro), la Popolare di Milano (+6,55% a 0,4 euro) e UBI Banca (+7,08% a 2,57 euro).

da

Soldi e Lavoro

Contratto a tutele crescenti e licenziamento

Contratto a tutele crescenti e licenziamento

Entrato nella legislazione italiana con il Jobs Act, e disciplinato dal decreto legislativo n. 23 del 4 marzo 2015, prevede una nuova regolamentazione del licenziamento Continua »

da

ABC Risparmio

Cinque domande sul rischio odierno nei fondi azionari concentrati

Cinque domande sul rischio odierno nei fondi azionari concentrati

Con i mercati in balia della volatilità che imperversa dalla Cina all’Europa, il rischio di gestione è diventato una priorità massima. Ma i portafogli concentrati superano la prova del rischio Continua »