NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » Azioni Italia » Milano positiva, ma frena sul finale

Milano positiva, ma frena sul finale

È riuscito il rimbalzo della galassia Ligresti, dopo i pesanti ribassi subiti nelle ultime due sedute. Fondiaria-SAI ha registrato un balzo del 9,02%. Nervosi i bancari

di Edoardo Fagnani 10 lug 2012 ore 17:48
Chiusura positiva per Piazza Affari e per le principali borse europee,anche se lontane dai massimi toccati nel corso della seduta. Il mercato italiano ha beneficiato del dato sulla produzione industriale in Italia, che a maggio ha registrato un aumento dello 0,8%. Le stime degli analisti indicavano un calo dello 0,2%. Intanto, nella riunione dei ministri delle finanze europei in programma ieri è stato confermato l’accordo sul piano taglia-spread. Inoltre, la Spagna ha siglato la bozza per far confluire gli aiuti finanziari alle banche: la prima tranche da 30 miliardi arriverà entro la fine di luglio. Spicca il rimbalzo della galassia Ligresti: Fondiaria-SAI ha registrato un rialzo superiore al 9%. Bene i bancari e i petroliferi. Da segnalare anche l’ottima performance di Finmeccanica.
Il FTSEMib è salito dello 0,4% a 13.868 punti, dopo aver toccato un massimo a 14.103 punti. Il FTSE Italia All Share ha guadagnato lo 0,37% a 14.825 punti. Performance positive anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,61%) e il FTSE Italia Star (+0,23%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è salito a 1,44 miliardi di euro, rispetto agli 1,38 miliardi di ieri. Su 305 titoli trattati, 163 hanno terminato la giornata con un rialzo, mentre i segni meno sono stati 129. Invariate le restanti 13 azioni.
L’euro è tornato sotto gli 1,23 dollari. L’oro vale 1.585 dollari.

CONSULTA tutte le quotazioni dei titoli del FTSE MIB


È riuscito il rimbalzo della galassia Ligresti, dopo i pesanti ribassi subiti nelle ultime due sedute
. Fondiaria-SAI ha registrato un balzo del 9,02% a 66,5 euro, dopo uno stop per eccesso di rialzo in avvio di giornata, mentre Milano Assicurazioni ha guadagnato il 3,77% a 0,248 euro. La stessa Milano Assicurazioni ha rettificato il risultato del primo trimestre del 2012: la compagnia ha chiuso i primi tre mesi dell’anno con una perdita di 17,9 milioni a fronte dell'utile di 17 milioni contabilizzato in precedenza. Intanto, i vertici di Fondiaria-SAI hanno dichiarato che l’aumento di capitale da 1,1 miliardi di euro dovrebbe partire lunedì 16 luglio. L’operazione era in agenda per il 9 luglio, ma la Consob aveva chiesto alcuni approfondimenti sul prospetto informativo. Inoltre, l’agenzia Fitch ha deciso di rimuove i rating sulla solidità finanziaria di Fondiaria-SAI e di Milano Assicurazioni. In progresso anche Unipol (+1,37% a 14,79 euro).

Seduta nervosa per i bancari.
Unicredit ha terminato la giornata con un frazionale calo dello 0,29% a 2,726 euro. Secondo Il Sole24Ore era previsto per oggi l'ok del consiglio d'amministrazione della banca alla riorganizzazione dell'istituto. Il piano dovrebbe prevedere più poteri e più responsabilità alle aree territoriali e meno funzioni centrali.
IntesaSanpaolo è scesa dello 0,97% a 1,02 euro.
Azimut ha guadagnato lo 0,07% a 7,67 euro. Nel mese di giugno 2012 la compagnia ha registrato una raccolta totale positiva per 151 milioni di euro. Intanto, dalle comunicazioni giornaliere diffuse dalla Consob si apprende che il 2 luglio UBS è diventato uno dei maggiori azionisti di Azimut con una quota del 2,021% del capitale.

In generale rialzo i petroliferi. Ha fatto eccezione Eni che è rimasta invariata a 16,92 euro. Performance migliore per Saipem (+0,97% a 35,23 euro). Segno più anche per Tenaris (+1,97% a 14,46 euro). Gli analisti di UBS hanno migliorato il giudizio sulla società e ora consigliano l’acquisto delle azioni. Rialzi nell’ordine del 4% per Erg (+3,84% a 5,275 euro) e Saras (+3,92% a 0,8625 euro).
Iren ha registrato un ribasso dell’1,92% a 0,312 euro. Gli analisti di Banca Akros hanno tagliato il target price sulla municipalizzata, portandolo da 0,45 euro a 0,35 euro. Gli esperti hanno confermato il giudizio “Hold” (mantenere).

da

Soldi e Lavoro

Industria, a rischio oltre 130mila posti di lavoro

Industria, a rischio oltre 130mila posti di lavoro

Sono 136.616 mila "i lavoratori a rischio di perdita di lavoro nel corso del 2014", nei settori della manifattura e delle costruzioni Continua »

da

ABC Risparmio

Soluzioni low cost per non rinunciare a una vacanza al mare

Soluzioni low cost per non rinunciare a una vacanza al mare

Sono sempre più gli italiani che non possono permettersi le ferie, ma è bene sapere che esistono delle alternative a basso prezzo per godersi il meritato mare Continua »