NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Marchionne, un pieno di titoli Ferrari (La Repubblica)

Marchionne, un pieno di titoli Ferrari (La Repubblica)

di Mauro Introzzi 7 gen 2016 ore 07:29 Le news sul tuo Smartphone

sergio-marchionne_1Il quotidiano rileva - riprendendo i dati Afm (la società di controllo della Borsa di Amsterdam) - che Sergio Marchionne possiede 1,42 milioni di azioni Ferrari, equivalenti a più di 64 milioni di euro ai prezzi di Borsa attuali. E, visto che la distribuzione dei titoli del Cavallino Rampante è avvenuta in ragione di un titolo ogni dieci di Fca posseduti Marchionne possiede 14,2 milioni di azioni Fca, l’1,12% del capitale sociale del Lingotto.
Exor, la controllante della famiglia Agnelli possiede invece il 23,5% del capitale della Rossa e, grazie alle leggi olandesi, ha diritti di voto per il 33,4%. Un patto di sindacato con Piero Ferrari, figlio di Enzo, fa salire poi i diritti di voto delle famiglie Agnelli-Ferrari al 48,8%. E secondo quanto è scritto nel filing che presenta l’operazione di scorporo Exor si riserva di aumentare eventualmente la quota a Maranello. A Torino si fa comunque notare che l’indicazione è normalmente inserita in modo precauzionale in tutti i documenti di questo genere.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Libretto famiglia: cos'è e come funziona

Libretto famiglia: cos'è e come funziona

Per i lavori occasionali di cui una famiglia può avere bisogno. Come acquistarli e come pagare con i nuovi voucher del Libretto famiglia Continua »

da

ABCRisparmio

Come integrare la pensione anche cominciando tardi

Come integrare la pensione anche cominciando tardi

Sarebbe meglio cominciare presto, ma per chi va in pensione adesso i cambiamenti del sistema pensionistico avvenuti negli ultimi decenni non erano prevedibili quando era, appunto, presto Continua »