NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » Azioni Italia » Le banche mettono le ali a Milano

Le banche mettono le ali a Milano

Piazza Affari ha ripreso le contrattazioni dopo la pausa di Ferragosto con gli indici in forte rialzo. Da segnalare le ottime performance di Mediaset e di Eems, con rialzi di oltre il 10%

di Edoardo Fagnani 16 ago 2012 ore 17:51
Piazza Affari ha ripreso le contrattazioni dopo la pausa di Ferragosto con gli indici in forte rialzo. Il mercato italiano ha beneficiato del discreto avvio di Wall Street. Il premier italiano, Mario Monti, ha smentito quanto riportato sul quotidiano La Repubblica, secondo cui il governo starebbe studiando la possibilità di procedere con un taglio delle aliquote dell’Irpef entro la fine del 2012. Il presidente del consiglio ha ribadito che il focus resta sulla messa in sicurezza dei conti pubblici e ha precisato che l’obiettivo di ridurre le tasse resta un obiettivo di più lungo termine. Seduta brillante per i bancari. Da segnalare le ottime performance di Mediaset e di Eems, che hanno guadagnato oltre il 10%.
Il FTSEMib è salito dell’1,87% a 14.930 punti, poco sotto al massimo di 14.953 punti. Il FTSE Italia All Share ha registrato un progresso dell’1,6% a 15.831 punti. Chiusura in territorio positivo anche per il FTSE Italia Mid Cap (+1,61%) e il FTSE Italia Star (+0,77%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è balzato a 1,79 miliardi di euro, rispetto ai 939 milioni di martedì 14 agosto. Su 313 titoli trattati, 205 hanno terminato la giornata con un rialzo, mentre i segni meno sono stati 92. Invariate le restanti 16 azioni.
L’euro resta sotto gli 1,22 dollari. L’oro si mantiene a 1.605 dollari.

CONSULTA tutte le quotazioni dei titoli del FTSE MIB


Ottima seduta per i bancari.
Unicredit ha guadagnato il 4,91% a 3,122 euro, mentre IntesaSanpaolo ha registrato un rialzo del 4,59% a 1,162 euro.
Spiccano anche le ottime performance del Banco Popolare (+3,71%), di Mediobanca (+2,8%), di Monte dei Paschi di Siena (+2,28%) e della Popolare di Milano (+3,25%).

In forte rialzo Mediaset, che ha guadagnato il 10,6% a 1,567 euro, dopo uno stop per eccesso di rialzo in mattinata. Gli addetti ai lavori hanno ipotizzato l’interesse di alcuni investitori arabi sul gruppo del Biscione, come riportato dalla stampa nei giorni scorsi.
Seat è salita del 3,17% a 0,0325 euro. Nel contesto della ristrutturazione dell'indebitamento finanziario del gruppo, la società ha comunicato che la Corte inglese ha omologato l'accordo denominato "scheme of arrangement".

Chiusura in rosso per Fondiaria-SAI (-1,92% a 0,9975 euro). Il Sole24Ore ha segnalato che l’acquisto e la gestione di Atahotels avrebbe pesato sul bilancio della compagnia per un ammontare di oltre 100 milioni di euro, cifra che comprende l’esborso iniziale di 25 milioni e le risorse spese per coprire le perdite accumulate negli esercizi successivi.

In generale rialzo i petroliferi. Ha fatto eccezione Eni, che è scesa dello 0,17% a 17,87 euro. Andamento positivo per Saipem (+1,51% a 38,88 euro) e Tenaris (+0,3% a 16,69 euro). In forte progresso Saras (+3,61% a 0,86 euro) ed Erg (+1,56% a 5,54 euro).
Acquisti su Enel (+2,58% a 2,54 euro) ed Enel Green Power (+1,66% a 1,286 euro). Performance migliore per A2A (+9,36% a 0,4208 euro).

Tutti gli articoli su: piazza affari , mediaset , eems Quotazioni: INTESA SANPAOLO MEDIASET S.P.A EEMS UNICREDIT

da

Soldi e Lavoro

I debiti della PA verso le imprese: un aggiornamento

I debiti della PA verso le imprese: un aggiornamento

Ammontano ad oltre 26 miliardi i debiti della p.a. pagati fino ad oggi alle imprese creditrici creditori, a fronte di un finanziamento complessivo ai debitori di 30 Continua »

da

ABC Risparmio

Manovra sulle pensioni oltre i 3mila euro: ecco quanto peserebbe

Manovra sulle pensioni oltre i 3mila euro: ecco quanto peserebbe

Polemiche sulla riduzione delle pensioni oltre i 3.000 euro. Secondo i dati Inps nel 2012 erano meno del 5% dei pensionati complessivi quelli con almeno 2.900 euro al mese Continua »