NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » GALA presenta domanda di concordato preventivo “con riserva”

GALA presenta domanda di concordato preventivo “con riserva”

di Edoardo Fagnani 3 apr 2017 ore 08:08 Le news sul tuo Smartphone

gala-logoIl consiglio di amministrazione di GALA ha esaminato l’andamento economico aziendale al 28 febbraio 2017, da cui emerge una perdita dei primi due mesi del 2017 pari a circa 14,9 milioni di euro che, cumulata a quelle relative agli esercizi precedenti, ha ridotto il capitale sociale di oltre un terzo. Il management ha constatato che la società si trova nella fattispecie definita dal codice civile e ha conseguentemente dato mandato al presidente per convocare l’assemblea della Società ai fini degli obblighi di legge.

Al fine di ottenere gli effetti protettivi del patrimonio della società previsti dalla normativa applicabile a tutela di tutti gli interessi coinvolti, il consiglio di amministrazione ha valutato e deliberato di presentare domanda di concordato preventivo “con riserva”, prodromica al deposito di un ricorso per l’omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti ovvero di una proposta di concordato di tipo “in continuità”.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: gala Quotazioni: GALA
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Un reddito uguale per tutti, ricchi e poveri, non soggetto a condizioni o prove. E nemmeno a promesse di impegno lavorativo. E' questo, il reddito di cittadinanza Continua »

da

ABCRisparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »