NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » Azioni Italia » Draghi parla e Milano va KO

Draghi parla e Milano va KO

di Edoardo Fagnani 2 ago 2012 ore 15:03 Le news sul tuo Smartphone
Piazza Affari e le principali borse europee reagiscono negativamente alle indicazioni di Mario Draghi, che nella conferenza stampa a commento delle decisioni di politica monetaria della BCE non ha fornito indicazioni puntuali su nuove misure per “salvare l’euro”. Come nelle attese la banca centrale europea ha confermato la propria politica monetaria. Il tasso di interesse di riferimento è stato confermato allo 0,75%.
Il FTSEMib registra uno scivolone del 2,8% , mentre il FTSE Italia All Share registra un ribasso del 2,59%.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: piazza affari , bce

Commenti dal 1 al 1
(1)

updown giovedì, 2 agosto 2012

Grazie Draghi

Siamo al bluff. abbiamo politici ed ora anche il boss della BCE che bluffano.
Cmq nota per SOLDINOLINE.
Io uso sempre questo sito perchè è fatto meglio di altri per grafici storici, news ecc... ecc....
Però tenete un pò a bada chi scrive i pezzi, perchè 30 minuti fa (appena Draghi ha parlato) c'erano già tappi di spumante che partivano "i mercati apprezzano Draghi.... e questo e quello" che non c'era neanche stato il tempo di premere SELL.
Aspettate almeno che gli eventi si sviluppino.
L'articolo in questione è già sparito.

n° 1
da

Soldi e Lavoro

Novità pensioni precoci: grazie a chi si prodiga per noi

Novità pensioni precoci: grazie a chi si prodiga per noi

Le ultime novità sulle pensioni precoci dopo il colloquio con Tommaso Nannicini arrivano da un lavoratore precoce, Andrea detto il Toscano Continua »

da

ABC Risparmio

Busta Arancione: cos’è e come funziona

Busta Arancione: cos’è e come funziona

E' stata inviata da aprile a domicilio ad una prima platea ristretta di lavoratori. Ma l’Inps ha l’obiettivo di inviarla a circa 12 milioni di italiani, a tutti contribuenti Continua »