NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Digital Bros, accordo per lo sviluppo e la produzione di Terraria: Otherworld

Digital Bros, accordo per lo sviluppo e la produzione di Terraria: Otherworld

di Edoardo Fagnani 4 apr 2017 ore 18:06 Le news sul tuo Smartphone

digital-bros-logoDigital Bros, attraverso la controllata 505 Games, ha siglato un nuovo accordo con Re-Logic per la pubblicazione mondiale del videogioco Terraria: Otherworld sulle piattaforme console e mobile a esclusione della versione PC Steam.

Terraria: Otherworld è il nuovo episodio di Terraria, videogioco che ha venduto più di 20 milioni di copie nel mondo generando ricavi per oltre 65 milioni di euro su tutti i formati.

 

Digital Bros sarà coinvolta in Terraria: Otherworld sia in qualità di publisher, attraverso505 Games, promuovendo e distribuendo il gioco nelle versioni console e mobile in tutto il mondo, sia come sviluppatore, con lo studio interno Pipeworks, che completerà lo sviluppo del gioco con un budget inizialmente stimato di 4,8 milioni di dollari.

I diritti di pubblicazione mondiale per le versioni console e mobile hanno una durata minima di cinque anni. L’accordo prevede il pagamento di royalty pari al 60% sulle vendite delle versioni digitali e pari al 30% sulle vendite delle versioni retail.

Pipeworks beneficerà di una royalty del 5% sulle vendite globali di Terraria: Otherworld, incluse le vendite della versione PC Steam che sarà pubblicata direttamente da Re-Logic.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: digital bros Quotazioni: DIGITAL BROS
da

SoldieLavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »