NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » MPS, tutti i numeri dell'esercizio 2015

MPS, tutti i numeri dell'esercizio 2015

L'istituto ha chiuso l'esercizio con un utile di 388,1 milioni di euro. A fine 2015 i crediti deteriorati lordi erano pari a circa a 46,9 miliardi di euro

di Edoardo Fagnani 5 feb 2016 ore 18:51

Il Monte dei Paschi di Siena ha comunicato i risultati del 2015.

L'istituto ha chiuso l'esercizio con un utile di 388,1 milioni di euro, risultato che si confronta con il rosso di 5,4 miliardi contabilizzato nell’esercizio precedente. L’istituto ha precisato che il risultato è dovuto alla contabilizzazione a “saldi chiusi” dell’operazione Alexandria, effettuata su richiesta della Consob e pari a circa 500 milioni di euro; escludendo questo effetto, il risultato netto è negativo per circa 110 milioni di euro anche a seguito di alcune poste straordinarie.
Nell’intero esercizio il risultato operativo lordo è stato pari a pari a circa 2,59 miliardi di euro, includendo l’effetto della contabilizzazione a “saldi chiusi” dell’operazione Alexandria. Senza considerare questo effetto, il risultato operativo lordo (pari a circa 1,87 miliardi di euro) è risultato in crescita di circa il 27% rispetto al 2014, grazie al positivo andamento della gestione corrente.
Il margine di interesse è cresciuto del 5,4% a circa 2,26 miliardi di euro.

mps3A fine 2015 il Common Equity Tier 1 (fully loaded) era pari all’11,7%, sostanzialmente invariato rispetto a fine settembre. Alla stessa data il patrimonio netto era cresciuto a 9,6 miliardi di euro per effetto dell’aumento di capitale completato nel mese di giugno.
Sempre a fine 2015 gli impieghi alla clientela ammontavano a circa 111,4 miliardi di euro, in calo di circa 8,3 miliardi rispetto a valore di inizio anno, in seguito alla chiusura dell’operazione Alexandria (circa 4 miliardi di euro) e alla ridotta domanda di credito. Alla stessa data i crediti deteriorati lordi erano pari a circa a 46,9 miliardi di euro, in aumento del 3,4% rispetto al valore di inizio anno, ma in riduzione di circa 0,6 miliardi di euro rispetto a settembre 2015, a seguito del rallentamento dei flussi lordi, del miglioramento delle performance di recupero e delle cessioni. Al 31 dicembre 2015 l’istituto ha registrato un’esposizione netta in termini di crediti deteriorati pari a circa 24 miliardi di euro. Alla stessa data la percentuale di copertura dei crediti deteriorati si è attestata al 48,5% in riduzione di 17 punti base rispetto al 30 settembre 2015 e di 48 punti base sul 31 dicembre 2014.

Il consiglio di amministrazione del Monte dei Paschi di Siena ha deciso di avviare un progetto per la valorizzazione della piattaforma di recupero crediti in sofferenza che consentirà, attraverso la partnership con un operatore specializzato, di ottimizzare le performance di recupero dei crediti in sofferenza. Il progetto prevede, tra l’altro, un accordo di lungo termine per la gestione dello stock di crediti in sofferenza in essere e dei flussi futuri e consentirà di beneficiare del know how del partner specializzato nella gestione dei crediti in sofferenza.
Nel medio termine, attraverso l’aumento dei recuperi, si attende la riduzione dell’ammontare di crediti in sofferenza ed una riduzione della volatilità del conto economico.

Tutti gli articoli su: monte dei paschi di siena , bilanci 2015 Quotazioni: BCA MPS
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldi e Lavoro

Novità pensioni precoci: grazie a chi si prodiga per noi

Novità pensioni precoci: grazie a chi si prodiga per noi

Le ultime novità sulle pensioni precoci dopo il colloquio con Tommaso Nannicini arrivano da un lavoratore precoce, Andrea detto il Toscano Continua »

da

ABC Risparmio

Le migliori tariffe per navigare sotto i 20 euro

Le migliori tariffe per navigare sotto i 20 euro

Non è necessario spendere una cifra spropositata per navigare flat. Alcuni operatori hanno tariffe lowcost che accontentano anche i più attenti alla spesa Continua »