NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Il FTSEMib chiude in rialzo (nonostante Unicredit)

Il FTSEMib chiude in rialzo (nonostante Unicredit)

Piazza Affari e le principali borse europee hanno terminato la seduta odierna con rialzi nell’ordine del mezzo punto percentuale. Ottima performance per Brunello Cucinelli

di Edoardo Fagnani 30 ago 2017 ore 17:47

Piazza Affari e le principali borse europee hanno terminato la seduta odierna con rialzi nell’ordine del mezzo punto percentuale, dopo i pesanti ribassi subiti ieri. Oggi è terminata la tre giorni di aste di titoli di stato italiani; in mattinata il Tesoro ha collocato due Btp con scadenza a 5 e 10 anni: il rendimento del decennale è sceso sotto il 2,1%. Da segnalare l’ottima performance messa a segno da Brunello Cucinelli, dopo la diffusione dei risultati del primo semestre 2017.

Il FTSEMib ha messo a segno un progresso dello 0,44% a 21.503 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 21.406 punti e un massimo di 21.561 punti. Il FTSE Italia All Share ha guadagnato lo 0,5%. Performance migliori per il FTSE Italia Mid Cap (+1,01%) e il FTSE Italia Star (+1,25%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è sceso a 1,81 miliardi di euro, rispetto ai 2,37 miliardi di ieri; oggi sono passate di mano 362.443.734 azioni (551.454.885 nella seduta di ieri). Su 347 titoli trattati, 209 hanno chiuso la giornata con un rialzo, mentre le performance negative sono state 115; invariate le restanti 23 azioni.

L’euro è sceso a 1,19 dollari.

 

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40

 

andamento-borsa-positivoChiusura positiva per Fiat Chrysler Automobiles. Le azioni del gruppo guidato da Sergio Marchionne hanno recuperato l’1,14% a 12,38 euro.

 

In altalena i bancari.

Giornata negativa per Unicredit; il titolo dell’istituto guidato da Jean Pierre Mustier ha ceduto l’1,68% a 17 euro. Dalle comunicazioni della Consob sulle partecipazioni rilevanti emergono gli ultimi movimenti di Norges Bank, a fine agosto, nel capitale di Unicredit. La banca scandinava è prima scesa, il giorno 25 agosto, al 2,862% dal 3,248% del precedente 11 agosto. Per poi salire al 3,202% del 28 agosto 2017. Intanto, gli analisti di KBW hanno alzato il prezzo obiettivo sull’istituto, portandolo da 16,62 euro a 18,21 euro. La stessa banca d’affari ha incrementato da 3,28 euro a 3,36 euro il target price su IntesaSanpaolo (+0,14% a 2,816 euro). Gli analisti hanno confermato il giudizio “Outperform” (farà meglio del mercato) su entrambi gli istituti.

Segno più per UBI Banca (+0,21% a 3,86 euro). La Consob ha comunicato che il 29 agosto B&G Master Fund ha ridotto la posizione corta sull’istituto, portandola dallo 0,67% allo 0,57%. Inoltre, KBW ha ritoccato al rialzo il prezzo obiettivo su UBI Banca, portandolo da 4,56 euro a 4,59 euro; gli esperti hanno confermato il rating “Outperform”.

È proseguito il trend negativo di Banca Intermobiliare, dopo il pesante ribasso subito ieri. Il titolo dell’istituto ha subito una flessione del 6,67% a 1,05 euro dopo uno stop per eccesso di ribasso.

 

Brunello Cucinelli ha terminato la seduta con un balzo del 6,07% a 24,8 euro. La società ha chiuso la prima metà del 2017 con ricavi pari a 243,3 milioni di euro, con un incremento del 10,7% rispetto ai 219,8 milioni di euro del primo semestre dello scorso anno. La crescita - a cambi costanti - sarebbe stata pari al 9,7%. Il semestre si è chiuso con un utile netto a 19,9 milioni di euro, in crescita del 10,6% rispetto all’utile netto normalizzato dei primi sei mesi del 2016, pari a 17,9 milioni di euro. Durante la conference call di presentazione dei dati semestrali i vertici della società hanno indicato che prevedono per fine anno un indebitamento compreso tra i 30 e i 35 milioni di euro. Il management ha confermato le attese di crescita a doppia cifra sia per i ricavi che per i profitti, per il biennio 2017/2018. Non si sono fatte attendere le indicazioni delle banche d’affari dopo la diffusione dei risultati. Kepler Cheuvreux ha alzato da 22,5 euro a 23,8 euro il prezzo obiettivo su Brunello Cucinelli, evidenziando la riduzione del livello di indebitamento; gli esperti hanno confermato l’indicazione di mantenere le azioni in portafoglio. Sulla stessa lunghezza d’onda Mediobanca, che ha aumentato da 22,5 euro a 23,5 euro il target price sul gruppo del cachemire; gli esperti di Piazzetta Cuccia hanno ribadito il rating “Neutrale”. Al contrario, Equita sim ha limato da 22 euro a 21,6 euro il prezzo obiettivo, in seguito alla riduzione delle stime sui ricavi e sull’Ebitda per il biennio 2017/2018, dopo aver rivisto le previsioni sui tassi di cambio; gli esperti hanno confermato il giudizio “Hold” (mantenere).

 

Fincantieri ha guadagnato il 2,15% a 0,926 euro. La Repubblica ha scritto che il ministro dell’economia transalpino Bruno Le Maire riproporrà nei prossimi giorni una grande alleanza navale paritetica fra Italia e Francia, per andare insieme alla conquista dei mercati internazionali.

Tutti gli articoli su: piazza affari Quotazioni: FINCANTIERI BRUNELLO CUCINELLI UNICREDIT
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Un reddito uguale per tutti, ricchi e poveri, non soggetto a condizioni o prove. E nemmeno a promesse di impegno lavorativo. E' questo, il reddito di cittadinanza Continua »

da

ABCRisparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »