NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Il FTSEMib chiude la settimana con un rialzo

Il FTSEMib chiude la settimana con un rialzo

l'indice ha guadagnato circa mezzo punto percentuale. Sempre sotto i riflettori i bancari. Chiusura negativa per Telecom Italia. Ottima seduta, invece, per Fiat Chrysler Automobiles

di Edoardo Fagnani 29 set 2017 ore 17:44

Piazza Affari e le principali borse europee hanno registrato progressi frazionali nell’ultima seduta della settimana e del mese di settembre. Sempre sotto i riflettori i bancari. Chiusura negativa per Telecom Italia. Ottima seduta, invece, per Fiat Chrysler Automobiles.

Il FTSEMib ha messo a segno un rialzo dello 0,48% a 22.696 punti (il massimo di giornata, minimo di 22.541 punti), terminando la settimana con un progresso dello 0,73%. Nel mese di settembre il paniere ha guadagnato il 4,74%. Il FTSE Italia All Share è salito dello 0,45%. Poco sopra la parità il FTSE Italia Mid Cap (+0,27%) e il FTSE Italia Star (+0,1%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è sceso a 2,23 miliardi di euro, rispetto ai 2,35 miliardi di ieri; oggi sono passate di mano 517.303.352 azioni (615.014.171 nella seduta di ieri). Su 386 titoli trattati, 208 hanno terminato la giornata con un rialzo, mentre i ribassi sono stati 165; invariate le rimanenti 13 azioni.

L’euro è tornato sopra gli 1,18 dollari.

 

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40

 

andamento-borsa-positivoSempre sotto i riflettori i bancari.

Minimo rialzo per il BancoBPM (+0,11% a 3,508 euro). L'istituto ha sottoscritto un accordo con il gruppo Aviva in merito al riacquisto del 50% più un'azione del capitale di Avipop Assicurazioni detenuto da Aviva Italia Holding. Avipop Assicurazioni è la compagnia operante nei rami danni, cui fa capo Avipop Vita, compagnia operante nei rami vita, che opera attraverso la rete distributiva dell'istituto. I termini economici dell’accordo con Aviva, che tengono conto tra l’altro dei criteri di valorizzazione della partecipazione stabiliti da Patto Parasociale, prevedono un prezzo per l’acquisto pari a 252,5 milioni di euro, corrispondente a una valorizzazione per il 100% della società pari a 505 milioni. Inoltre, secondo quanto concordato tra le parti, ad Aviva è riconosciuto il diritto di percepire il 50% del dividendo a valere sull’utile ordinario 2017 di Avipop Assicurazioni, determinato, sulla base delle stime disponibili e dei risultati già raggiunti dalla Compagnia al 30 giugno 2017, in 12,5 milioni di euro. Il riacquisto della partecipazione in Avipop Assicurazioni comporterà per il BancoBPM una riduzione di 15 punti base sul CET 1 ratio fully phased rispetto al dato al 30 giugno 2017 (pari al 10,40% e all’11,31% proforma).

Performance migliore per UBI Banca (+1.39% a 4,386 euro). La Consob ha comunicato che il 28 settembre Marshall Wace ha incrementato la posizione corta sull’istituto, portandola dallo 0,66% allo 0,76%.

Banca Carige ha perso l’1,29% a 0,23 euro. L'assemblea degli azionisti dell’istituto ligure ha approvato di attribuire al Consiglio di Amministrazione la delega per aumentare il capitale sociale per un importo massimo complessivo di 560 milioni di euro. Nel dettaglio, massimi 500 milioni avranno attribuito il diritto d’opzione, mentre i rimanenti 60 milioni avrenno l'esclusione o una limitazione del diritto di opzione eventualmente da riservarsi ad una o più categorie dei portatori di titoli subordinati oggetto di LME - liability management exercise. Il Consiglio di Amministrazione stabilirà modalità, termini e condizioni dell’aumento di capitale. Intanto, secondo quanto scritto su Il Sole24Ore sarebbero 4 i soggetti interessati al pacchetto da 1,4 miliardi di euro di crediti non performanti messi sul mercato da Banca Carige. I nomi in lizza, che dovranno eventualmente presentare una loro offerta non vincolante entro il prossimo 10 novembre, sono secondo il Sole24Ore, la cordate formata dalla società di investimento Davidson Kempner e da Prelios, il tandem Bayview Capital- Crif, la branch italiana del gruppo nordico Lindorff-Intrum Justitia e Credito Fondiario.

 

Telecom Italia ha registrato una flessione dello 0,69% a 0,7925 euro. Il consiglio di amministrazione della compagnia telefonica ha proceduto all’unanimità a cooptare Amos Genish e a nominarlo Amministratore Delegato. Al manager sono state conferite le deleghe esecutive. Intanto, gli analisti del Credit Suisse hanno ridotto le stime sul fatturato e sulla redditività di Telecom Italia per il triennio 2017/2019, in seguito alla revisione delle stime di crescita del settore di riferimento. Gli esperti hanno confermato il prezzo obiettivo di un euro per le azioni ordinarie e di 0,8 euro per i titoli di risparmio; gli esperti hanno ribadito il giudizio “Neutrale”.

 

Fiat Chrysler Automobiles ha messo a segno un progresso del 2,09% a 15,16 euro. Alcuni operatori hanno collegato il rialzo del titolo del gruppo guidato da Sergio Marchionne al progetto di riforma fiscale negli Stati Uniti, presentato dal presidente Donald Trump.

 

Mondo TV ha terminato la giornata con un rialzo dell’8,4% a 4,388 euro. La società ha comunicato i risultati del primo semestre 2017, periodo chiuso con un valore della produzione di 15,9 milioni di euro, in aumento del 31% rispetto ai 12,1 milioni contabilizzati nello stesso periodo dello scorso anno. Mondo TV ha chiuso il primo semestre del 2017 con un utile netto di 5,72 milioni di euro, rispetto ai 3,44 milioni contabilizzati nei primi sei mesi dello scorso anno. I vertici della società hanno migliorato la stima sull’utile netto per il 2017, ora fissata a 12 milioni di euro.

Tutti gli articoli su: piazza affari Quotazioni: TELECOM ITALIA BCA CARIGE BANCO BPM
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Un reddito uguale per tutti, ricchi e poveri, non soggetto a condizioni o prove. E nemmeno a promesse di impegno lavorativo. E' questo, il reddito di cittadinanza Continua »

da

ABCRisparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »