NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Il FTSEMib chiude sotto la parità. L'euro sfiora quota 1,2

Il FTSEMib chiude sotto la parità. L'euro sfiora quota 1,2

Nessuna indicazione particolare nel discorso di venerdì di Mario Draghi all’annuale simposio a Jackson Hole. Fiat Chrysler Automobiles in leggero rialzo

di Edoardo Fagnani 28 ago 2017 ore 17:42

Piazza Affari e le principali borse europee hanno iniziato la settimana con ribassi frazionali. Nessuna indicazione particolare nel discorso di venerdì di Mario Draghi (BCE) all’annuale simposio a Jackson Hole. Secondo gli analisti di IntesaSanpaolo il banchiere ha voluto tenere un approccio cauto evitando di causare bruschi movimenti di mercato (il discorso di Sintra docet). “Si dovrà attendere la riunione della prossima settimana per una valutazione dei rischi per lo scenario di inflazione e crescita, anche se è improbabile che indicazioni concrete sul futuro del QE si abbiano prima della riunione di ottobre”, hanno precisato gli esperti. Oggi la borsa di Londra è rimasta chiusa per festività. Ha preso il via la tre giorni di aste di titoli; in mattinata il Tesoro ha collocato il CTZ per un ammontare di 2 miliardi di euro: il rendimento del titolo è rimasto negativo.

Il FTSEMib ha registrato una flessione dello 0,09% a 21.726 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 21.623 punti e un massimo di 21.805 punti. Il FTSE Italia All Share è sceso dello 0,19%. Performance peggiori per il FTSE Italia Mid Cap (-0,97%) e il FTSE Italia Star (-0,81%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è sceso a 1,24 miliardi di euro, rispetto agli 1,5 miliardi di venerdì; oggi sono passate di mano 265.886.420 azioni (293.840.356 nella seduta di ieri). Su 358 titoli trattati, 232 hanno terminato la giornata con un ribasso, mentre le performance positive sono state 114; invariate le rimanenti dodici azioni.

L’euro ha sfiorato gli 1,2 dollari. Secondo Yann Quelenn, analista di Swissquote, la moneta unica continuerà ad apprezzarsi nei confronti del dollaro, almeno fino al 7 settembre, data in cui si riunirà nuovamente la Banca Centrale Europea. "Secondo noi gli investitori stanno riponendo attese eccessive nella riunione in programma la prossima settimana tant’è che crediamo che il rischio di una delusione sia alto", ha precisato l'esperto.

 

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40

 

indice-borsaFiat Chrysler Automobiles ha terminato la giornata in territorio positivo, dopo un avvio in rosso. Le azioni del gruppo guidato da Sergio Marchionne hanno guadagnato lo 0,24% a 12,43 euro. Milano Finanza ha disegnato il futuro di Fiat Chrysler Automobiles, alla vigilia di un 2018 che si prospetta essere un anno cruciale per la casa automobilistica torinese. I rumor dei giorni scorsi, relativi a un interesse della cinese Great Wall per il marchio Jeep o addirittura per tutta l’azienda, hanno riacceso l’appeal speculativo sulla società guidata da Sergio Marchionne. Un appeal che è rimasto alto anche dopo che il dossier si è sgonfiato. Nei prossimi mesi è prevista la presentazione del piano industriale che arriverà fino al 2022. Che potrebbe prevedere - ipotizza Milano Finanza - la valorizzazione e l’ipo di Magneti Marelli, Comau e Teksid e lo scorporo del polo del lusso Maserati-Alfa Romeo.

 

In leggero ribasso Saipem (-0,2% a 3,062 euro). Dalle comunicazioni giornaliere diffuse dalla Consob si apprende che il 25 agosto Capital Fund Management ha incrementato la posizione corta sulla società di ingegneristica, portandola dallo 0,52% allo 0,61%. Lo stesso giorno Connor, Clark & Lunn Investment Management ha aperto uno "short" dello 0,51% sul titolo.

Enel ha registrato un frazionale calo dello 0,29% a 5,08 euro. Il colosso elettrico ha comunicato che il consiglio di amministrazione della controllata Enel Chile ha dato avvio all’analisi di una possibile riorganizzazione delle partecipazioni societarie del gruppo in Cile, basata su una proposta non vincolante formata dalla stessa Enel Chile. Il colosso elettrico ha espresso in via preliminare una valutazione favorevole sulla proposta di riorganizzazione. Enel ha constatato che l’operazione risulta in linea con alcuni degli obiettivi strategici del gruppo, fra cui la semplificazione degli asseti proprietari delle società quotate cilene del gruppo stesso.

Chiusura negativa per A2A (-0,65% a 1,386 euro). Il Sole24Ore di sabato ha pubblicato un’intervista a Luca Valerio Camerano, amministratore delegato dell’azienda. Il manager ha anticipato che la società dovrebbe chiudere il 2016 con un margine operativo lordo compreso tra gli 1,17 e gli 1,19 miliardi di euro, in leggero calo rispetto agli 1,23 miliardi ottenuti lo scorso anno. “A livello di Ebitda ricorrente, e cioè non legato a componenti straordinarie, dovremmo confermare il livello dell’anno scorso”, ha precisato Luca Valerio Camerano.

Tutti gli articoli su: piazza affari Quotazioni: ENEL FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »