NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Piazza Affari in lieve rialzo. Bene STM e Italgas

Piazza Affari in lieve rialzo. Bene STM e Italgas

Piazza Affari e le principali borse europee hanno iniziato la settimana in frazionale rialzo. Venerdì Fitch ha confermato il "BBB" sull'Italia. In evidenza STM e Italgas

di Edoardo Fagnani 23 ott 2017 ore 17:38

Piazza Affari e le principali borse europee hanno iniziato la settimana con gli indici in frazionale rialzo, in attesa della riunione della BCE in programma per giovedì 26 ottobre. Alberto Biolzi, Responsabile Direzione Wealth Management di Cassa Lombarda, ha segnalato che si attendono maggiori dettagli sul futuro del piano di quantitative easing. "Attualmente, il consensus prevede una riduzione degli acquisti a partire da gennaio a 30 miliardi di euro mensili ma un allungamento del piano di 6/9 mesi", ha precisato l'esperto. Intanto, venerdì, l’agenzia Fitch ha confermato il rating sul debito sovrano dell’Italia, fissato a "BBB"; il giudizio conferma la Repubblica Italiana tra gli emittenti non speculativi. Le prospettive sul rating per i prossimi trimestri restano "stabili". In altalena i bancari. In rosso Saipem, prima della diffusione dei risultati trimestrali.

Il FTSEMib ha registrato un frazionale rialzo dello 0,14% a 22.379 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 22.275 punti e un massimo di 22.441 punti. Il FTSE Italia All Share ha messo a segno un progresso dello 0,16%. In rialzo lieve anche il FTSE Italia Mid Cap (+0,27%) e il FTSE Italia Star (+0,27%).

Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è sceso a 1,74 miliardi di euro, rispetto ai 2,11 miliardi di venerdì; oggi sono passate di mano 456.302.190 azioni (484.085.006 nella seduta di venerdì). Su 367 titoli trattati, 194 hanno terminato la giornata con un rialzo, mentre le performance negative sono state 157; invariate le restanti 16 azioni.

L’euro è sceso a 1,175 dollari.

 

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40

 

mercato-saleIn altalena i bancari.

Slitta di una settimana il ritorno a Piazza Affari del Monte dei Paschi di Siena. L’agenzia Reuters, infatti ha segnalato che il prospetto informativo sarà solo "nella seconda parte di questa ottava". Quindi, per rivedere il titolo della banca senese contrattare bisognerà aspettare fino al prossimo 30 ottobre.

Sotto la parità Unicredit; il titolo dell’istituto guidato da Jean Pierre Mustier ha registrato un ribasso dello 0,58% a 17,12 euro. Gli analisti di Deutsche Bank hanno alzato da 19,2 euro a 20,2 euro il target price su Unicredit, apprezzando il miglioramento della qualità dell’attivo della banca. Gli esperti ritengono che l’istituto rappresenti una delle migliori opportunità di acquisto nel settore bancario.

 

In frazionale progresso Telecom Italia (+0,46% a 0,772 euro). Il consiglio di amministrazione della compagnia telefonica ha esaminato e approvato a maggioranza il contratto vincolante per la creazione di una joint-venture con Canal+, che si occuperà di disegnare e realizzare l’offerta di contenuti video premium che TIM offrirà ai propri clienti per accelerare lo sviluppo della connettività in fibra. La joint venture prevede la partecipazione al 60% di Telecom Italia e al 40% di Canal+. L’amministratore delegato sarà scelto tra i consiglieri di nomina della compagnia italiana all’interno di un consiglio di amministrazione composto da 5 membri (di cui 3 Telecom Italia e 2 Canal+), in possesso di un profilo professionale coerente con l’iniziativa. Inoltre, il consiglio di amministrazione ha fatto riserva di approfondimento degli effetti delle determinazioni assunte dal Governo, e in particolare delle iniziative di ottemperanza alle prescrizioni imposte sulle controllate totalitarie TIM Sparkle e Telsy, oltre che sulla stessa Telecom Italia.

 

Italgas ha guadagnato il 2,15% a 4,934 euro. La società ha comunicato i risultati dei primi nove mesi del 2017, periodo chiuso con ricavi pari a 835 milioni di euro, in aumento del 7,2% rispetto ai 779,1 milioni dei primi 9 mesi del 2016. La variazione positiva del solo terzo trimestre è pari al 2,6%. L’utile netto del periodo gennaio-settembre è stato pari a 213,3 milioni di euro, con un aumento del 27,8% rispetto al corrispondente periodo del 2016. Nel solo terzo trimestre l’incremento è stato pari a 38,2%. A fine settembre l’indebitamento finanziario netto era pari a 3,73 miliardi di euro, in incremento di 110,9 milioni di euro rispetto ai 3,62 miliardi di inizio anno.

Chiusura negativa per Saipem (-2,58% a 3,252 euro). Oggi si è riunito il consiglio di amministrazione della società di ingegneristica per l’esame dei risultati del terzo trimestre del 2017. I dati saranno comunicati domani, prima dell’apertura di Piazza Affari.

 

Sul listino principale molto bene STM (+4,32%).

 

Generali è salita dello 0,71% a 15,61 euro. Gli analisti di Jefferies hanno alzato da 16,8 euro a 17,7 euro il prezzo obiettivo sulla compagnia assicurativa, apprezzando la strategia di cessione delle attività non strategiche. Gli esperti hanno anche migliorato il giudizio e ora consigliano l’acquisto delle azioni.

 

Safilo ha guadagnato il 3,6% a 5,47 euro. La società e Rebecca Minkoff, marchio americano attivo nel settore abbigliamento, borse e accessori di lusso accessibile, hanno annunciato un nuovo accordo di licenza per il design, la produzione e la distribuzione mondiale delle collezioni di occhiali da sole e montature da vista a marchio Rebecca Minkoff. L’accordo avrà durata di sette anni fino al 31 dicembre 2024.

 

Aedes è salita del 4,63% a 0,3996 euro. Il titolo si allinea al trend positivo del settore immobiliare, in seguito alla possibilità che le SIIQ vengano incluse tra i titoli idonei per essere inclusi nei PIR.

Tutti gli articoli su: piazza affari Quotazioni: TELECOM ITALIA ITALGAS BCA MPS UNICREDIT SAIPEM
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »

da

ABCRisparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »