NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Il FTSEMib chiude in rosso la seduta (e anche la settimana)

Il FTSEMib chiude in rosso la seduta (e anche la settimana)

Spicca il forte ribasso subito da Salvatore Ferragamo. In altalena i bancari, dopo i ribassi subiti nelle ultime tre giornate. Ottima seduta per Poste Italiane

di Edoardo Fagnani 15 dic 2017 ore 17:40

Piazza Affari e le principali borse europee hanno terminato l’ultima seduta della settimana con variazioni frazionali. Oggi è stata giornata di importati scadenze tecniche; sono arrivati a termine i future e i contratti di opzione sulle azioni e sugli indici datati dicembre 2017: il valore di riferimento del FTSEMib è stato fissato a 22.055 punti. Inoltre, in mattinata il Tesoro ha fornito l’aggiornamento sul debito pubblico italiano, che a ottobre ha sfiorato i 2.290 miliardi di euro, rispetto ai 2.284 miliardi di fine settembre. Spicca il forte ribasso subito da Salvatore Ferragamo. In altalena i bancari, dopo i ribassi subiti nelle ultime tre giornate. Ottima seduta per Poste Italiane.

Il FTSEMib ha terminato la giornata con un calo dello 0,44% a 22.094 punti (minimo di 21.994 punti, massimo di 22.211 punti) e ha chiuso la settimana con una flessione del 2,98%. Il FTSE Italia All Share ha perso lo 0,41%. Variazioni frazionali per il FTSE Italia Mid Cap (-0,23%) e il FTSE Italia Star (+0,01%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è balzato a 3,67 miliardi di euro, rispetto ai 2,73 miliardi di ieri; oggi sono passate di mano 1.292.713.376 azioni (835.178.207 nella seduta di ieri). Su 376 titoli trattati, 235 hanno chiuso in ribasso, mentre 126 hanno terminato la giornata sopra la parità; invariate le restanti 15 azioni.

L’euro si è riportato sotto gli 1,18 dollari.

 

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40

 

mercato-azioniSalvatore Ferragamo ha subito uno scivolone del 6,29% a 21,15 euro, dopo uno stop per eccesso di ribasso in avvio di giornata. La società ha comunicato di aver preso atto di un prolungamento all'esercizio 2018 della fase di transizione che ha caratterizzato l'esercizio in corso e dei relativi riflessi sulle ambizioni di medio periodo enunciate nella comunicazione al mercato del 3 febbraio 2017. Di conseguenza, il management ha ritenuto di non poter confermare gli obiettivi in quanto più difficilmente perseguibili. Dopo le nuove indicazioni del management gli analisti di Banca Akros hanno tagliato da 24,7 euro a 23 euro il prezzo obiettivo su Salvatore Ferragamo; gli esperti hanno anche peggiorato da “Accumulate” a “Neutrale” il giudizio. Anche Kepler Cheuvreux ha tagliato il target price sulla società del lusso, portandolo da 22 euro a 20,5 euro, in seguito alla riduzione della stima sull’utile per azione per il 2018. Indicazione simile da Société Générale, che ha sforbiciato da 24 euro a 22 euro il prezzo obiettivo su Salvatore Ferragamo. Gli analisti delle due banche d’affari hanno confermato l’indicazione di mantenere le azioni in portafoglio.

 

In altalena i bancari, dopo i ribassi subiti nelle ultime tre giornate.

Seduta incerta per Banca Carige (invariata a 0,01 euro). Da oggi vengono riofferti i diritti rimasti inoptati relativo all'aumento di capitale dell’istituto ligure. L'operazione terminerà il 21 dicembre, salvo chiusura anticipata. Secondo quanto riportato dall’agenzia Reuters sarebbero già stati acquistati circa 149,5 milioni di diritti, un quantitativo pari a oltre la metà dei titoli offerti (circa 278,4 milioni). I diritti rilevati consentono l’acquisto di circa 9 miliardi di nuove azioni di Banca Carige.

BPER Banca ha lasciato sul terreno lo 0,53% a 4,146 euro. MF ha scritto che a gennaio 2018 l’istituto emiliano romagnolo varerà una cartolarizzazione su un portafoglio fino 1,8 miliardi di nominale. Secondo il quotidiano si tratta di un’operazione impegnativa che si chiuderà tra la fine del 2018 e, al più tardi, il primo trimestre del 2019 e per la quale sarà richiesta la garanzia pubblica (gacs) per la tranche senior.

In rosso anche UBI Banca (-0,48% a 3,7 euro). Dalle comunicazioni diffuse dalla Consob si apprende che il 5 dicembre la Fondazione Banca Del Monte Di Lombardia ha ridotto la partecipazione detenuta nel capitale dell’istituto portandola dal 5,208% al 4,959%. La stessa Consob ha comunicato che il 14 dicembre Marshall Wace ha incrementato dal 3,4% al 3,53% la posizione corta su UBI Banca.

Performance peggiore per il BancoBPM (-2,33% a 2,52 euro). Dalle comunicazioni giornaliere diffuse dalla Consob si apprende che il 14 dicembre Viking Global Investors ha incrementato dallo 0,8% allo 0,92% la posizione corta sulla banca. Anche Marshall Wace ha aumento lo "short" sull'istituto, portandolo dal 2,14% al 2,27%. Discovery Capital Management, invece, ha aperto una posizione corta dello 0,55% sul BancoBPM.

Male anche Unicredit; il titolo dell’istituto guidato da Jean Pierre Mustier ha subito una flessione dell’1,88% a 16,15 euro.

 

Poste Italiane ha registrato un rialzo del 4,09% a 6,365 euro. La società e Cassa depositi e prestiti hanno sottoscritto l’accordo concernente il servizio di raccolta del risparmio postale per il triennio 2018-2020. Nel periodo in esame è prevista una remunerazione annua in favore di Poste Italiane compresa tra un minimo di 1,55 miliardi di euro e un massimo di 1,85 miliardi di euro, a fronte di obiettivi di raccolta concordati.

 

Fiat Chrysler Automobiles è salita dello 0,13% a 15,02 euro. L’agenzia Fitch ha migliorato di un livello il rating sul debito a lungo termine del gruppo automobilistico, portandolo da “BB-” a “BB”, ipotizzando un miglioramento della generazione di cassa nei prossimi esercizi. Il giudizio conferma Fiat Chrysler Automobiles tra gli emittenti speculativi. Le prospettive sul rating per i prossimi trimestri sono “positive”.

Tutti gli articoli su: piazza affari Quotazioni: BPER BANCA POSTE ITALIANE SALVATORE FERRAGAMO
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Circa 10 euro come paga oraria minima per tutti i lavoratori dipendenti non coperti dai CCNL. Il salario minimo legale è uno dei punti più importanti del progremma del PD Continua »

da

ABCRisparmio

APE social 2018: come funziona, domanda e requisiti

APE social 2018: come funziona, domanda e requisiti

Ape social è un'indennità di accompagnamento alla pensione di vecchiaia. Vediamo a chi spetta, quali sono i requisiti e come fare la domanda Continua »