NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Banco di Sardegna, i conti dei primi 9 mesi del 2017

Banco di Sardegna, i conti dei primi 9 mesi del 2017

di Mauro Introzzi 8 nov 2017 ore 08:06 Le news sul tuo Smartphone

banco-di-sardegna-logoBanco di Sardegna ha chiuso i primi 9 mesi del 2017 con un margine di intermediazione pari a 266,1 milioni, in aumento dell’11,1% su base omogenea.

Il risultato generato dall’operatività corrente al lordo delle imposte è sostanzialmente in pareggio. Dedotti gli accantonamenti per le imposte del periodo, pari a 778 mila, si determina una perdita del periodo di pertinenza della sub-holding di 955 mila euro contro l'utile di 56,7 milioni di euro dello stesso periodo dell'anno precedente.

A fine settembre gli impieghi netti verso la clientela erano pari a 7,6 miliardi, in aumento di 46,7 milioni (+0,6%) a confronto con il dato di fine esercizio 2016.

I crediti deteriorati lordi erano pari a 2,2 miliardi e risultavano presidiati da rettifiche di valore per oltre 1 miliardo, che portano il valore netto a 1,2 miliardi in riduzione del 6,5% rispetto al dato di fine anno.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: banco di sardegna , terzo trimestre 2017 Quotazioni: BCO SARDEGNA RISP
da

SoldieLavoro

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Circa 10 euro come paga oraria minima per tutti i lavoratori dipendenti non coperti dai CCNL. Il salario minimo legale è uno dei punti più importanti del progremma del PD Continua »

da

ABCRisparmio

Flat tax: cos'è e come funziona il sistema ad aliquota unica

Flat tax: cos'è e come funziona il sistema ad aliquota unica

Con flat tax si intende un sistema fiscale ad aliquota unica. Lo si indica anche come sistema proporzionale. Inserirla nel sistema italiano, potrebbe richiedere una riforma costituzionale Continua »