NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » Azioni Italia » Balzo di FonSai (+119%) e Unipol (+43%)

Balzo di FonSai (+119%) e Unipol (+43%)

Giornata con pochi spunti e volumi ridotti per Piazza Affari. Male, in particolare, i bancari, peggiorati nelle ultime fasi di contrattazione. Bene Fiat e il tandem Fondiaria-Sai e Unipol

di Mauro Introzzi 16 lug 2012 ore 17:46
Giornata con pochi spunti e volumi ridotti per Piazza Affari. La borsa milanese, che ha oscillato per molto tempo vicino alla parità, è peggiorata in scia all’apertura di Wall Street, a sua volta appesantita dai dati macro. Male, in particolare, i bancari, peggiorati nelle ultime fasi di contrattazione. Bene Fiat e il tandem Fondiaria-Sai e Unipol. Ma il loro balzo è stato macchiato dalla pessima performance dei diritti legati all'aumento di capitale.

Così, alla campana di fine contrattazioni il Ftse Mib ha registrato un calo dello 0,36% a 13.665 punti, mentre l’All Share ha guadagnato lo 0,21% a 14.704 punti.
Rialzo stellare per il Mid Cap (+7,39%), trascinata da Fondiaria-Sai e Unipol. Bene lo Star (+0,34%).
Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è sceso a 1,03 miliardi di euro, in calo dagli 1,42 miliardi di euro di venerdì. Su 303 titoli trattati, 138 hanno terminato la giornata con un rialzo, mentre i segni meno sono stati 153. Invariate le restanti 12 azioni.

Brutte notizie dal fronte macroeconomico italiano. Secondo quanto riporta il Supplemento Finanza pubblica di Bankitalia il debito delle amministrazioni pubbliche, a fine maggio, è ulteriormente salito a 1.966,303 miliardi di euro, aumentando di 17,1 miliardi rispetto al mese precedente. Si tratta di un record.
Nello stesso mese del 2011 il dato si era attestato a 1.896,549 miliardi.

LE QUOTAZIONI DEL FTSE MIB


I bancari sono stati oggetti di alcune revisioni della valutazione da parte di Ubs
. Gli analisti della banca elvetica hanno deciso di tagliare da 1,28 a 1,13 euro il loro target price sul Banco Popolare (-2,09%), confermando il giudizio “neutrale”. Ubs ha poi ridotto a 1,7 euro il prezzo obiettivo di IntesaSanpaolo (-1,37%), a 4,9 euro quello di Unicredit (-2,22%), a 3,5 euro quello di Mediobanca (-2,7%), a 2,7 euro quello di Ubi Banca (-2,07%) e a 0,21 euro quello di Banca MPS (-0,16%%). La prima e la seconda hanno un rating “buy” (acquistare) mentre le altre 3 hanno un giudizio “neutrale”.
In una nota diffusa da IntesaSanpaolo si è appreso che il Direttore Generale Vicario Marco Morelli ha lasciato la banca per perseguire altre attività professionali. Enrico Cucchiani, attuale consigliere delegato e amministratore delegato dell'istituto, assumerà ad interim la responsabilità della Banca dei Territori.

Tutti gli articoli su: unipol , fondiaria sai , fiat Quotazioni: UNIPOL FIAT UNIPOLSAI

da

Soldi e Lavoro

Cgil: lavora solo un italiano su due

Cgil: lavora solo un italiano su due

Meno di un italiano su 2 ha un impiego. L'italia ha un tasso di occupazione del 48,7%, superiore solo a quello della Grecia. In un'infografica il tasso di occupazione in Italia Continua »

da

ABC Risparmio

Default Argentina, cosa può accadere ai risparmiatori italiani?

Default Argentina, cosa può accadere ai risparmiatori italiani?

Ancora qualche giorno per essere certi. Ma se lo fosse davvero, cosa potrebbe voler dire questo secondo default per i risparmiarori che hanno ancora obbligazioni argentine? Continua »