NAVIGA IL SITO
Home » Infografiche » La storia del debito pubblico italiano

La storia del debito pubblico italiano

Dal 95% del Pil del 1990, quando premier era Andreotti, al 126,1% stimato dal governo per il 2012 nell'ultimo aggiornamento del Def. In questa infografica la salita del debito pubblico in rapporto al Pil con foto dei premier in carica dal 1976, con revisione dal 1990

di Mauro Introzzi 17 dic 2012 ore 09:43
debito-pubblico-storia_1
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Riproduzione vietata senza il consenso dell'editore

Tutti gli articoli su: debito pubblico

Commenti dal 1 al 1
(1)

Nicola Giuliani martedì, 7 maggio 2013

Gli statisti che con irresponsabilità hanno contribuito ad avviare e far correre il Debito Pubblico oltre il pericolo livello del 100% del PIL

Chi ha dato l’avvio è stato Andreotti, confortato dal premio Nobel dell’Economia Franco Modigliani. Un seguito significativo è stato dato da Berlusconi. Il primato a quanto sembra lo ha conseguito Monti, con l’aggravante della recessione.

n° 1
The Doctor lunedì, 22 luglio 2013

R: Gli statisti che con irresponsabilità hanno contribuito ad avviare e far correre il Debito Pubblico oltre il pericolo livello del 100% del PIL

E di CRAXI vogliamo parlarne ? Vogliamo dire qualcosa di quella banda che aumento il debito pubblico dal 65% all'88,5% ? 23 punti e fischi ...... più di un terzo !

da

Soldi e Lavoro

Novità pensioni precoci: grazie a chi si prodiga per noi

Novità pensioni precoci: grazie a chi si prodiga per noi

Le ultime novità sulle pensioni precoci dopo il colloquio con Tommaso Nannicini arrivano da un lavoratore precoce, Andrea detto il Toscano Continua »

da

ABC Risparmio

Busta Arancione: cos’è e come funziona

Busta Arancione: cos’è e come funziona

E' stata inviata da aprile a domicilio ad una prima platea ristretta di lavoratori. Ma l’Inps ha l’obiettivo di inviarla a circa 12 milioni di italiani, a tutti contribuenti Continua »