NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Psicologia e finanza » Lo Zen e l'arte di fare trading

Lo Zen e l'arte di fare trading

L’ego non esiste. Il mercato è armonia. Discernere tra quello che vogliamo succeda e quello che sappiamo succederà. L'intuizione lo sa, ma spesso il nostro ego ci frena

di Manuela Tagliani

Market Wizards, scritto da Jack D. Schwager, è uno dei libri più conosciuti sui trader americani degli anni 80 e 90. La particolarità di questo libro, o meglio di questi libri, dato che ormai sono tre raccolte, è che i trader si mettono a nudo attraverso interviste dal tono leggero.

Il capitolo che più ci interessa si intitola Lo Zen e l'arte di fare trading. E in particolare ci interessa un'intervista che Jack Schwager, l'autore, ha potuto pubblicare, curiosamente, solo in forma anonima.

Vediamone i punti principali.

La chiave per vincere sui mercati è interna, non è esterna. Il controllo emozionale, la pazienza, l'atteggiamento mentale che ci permette di accettare la perdita sono tutti comportamenti che ci permettono di passare da un comportamento perdente a uno vincente.

L'ego non esiste. Non sono io che decido ma il processo, per determinate caratteristiche oggettive, avviene. L'essenza dell'idea è che si impari a far correre la freccia da sola. Non esiste l'ego. Non è "sto tirando la freccia e sono io che la scocco", ma la freccia è stata tirata ed è stato fatto bene.

Lo stesso concetto può essere applicato al trading. Non esiste l'io. Il processo che avviene è quello dell'acquisto in alcuni casi e della vendita in altri. I trucco è discernere tra quello che vogliamo che succeda e quello che sappiamo succederà. L'intuizione sa quello che succederà, ma spesso il nostro ego ci frena.

Il mercato è armonia. Checché se ne dica il mercato vive di leggi proprie alle quali noi possiamo aderire ma che non possiamo cambiare. Nel trading come nel tiro con l'arco, qualsiasi sforzo, forza, lotta o tentativo è inutile. Si è irrimediabilmente fuori dalla sincronia, dall'armonia del mercato. Il trading perfetto non richiede sforzi.

Pensateci, quando il mercato saliva e saliva, nessuno trovava difficile entrare in borsa e fare soldi. Il problema si è posto quando il mercato ha iniziato a scendere. Ma non per tutti è stato un disastro finanziario, anche se per molti è stato un bagno di sangue. Chi è riuscito a rimanere distaccato, ha pazientemente raggiunto gli obiettivi.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: psicologia e finanza , manuela tagliani
da

SoldieLavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »