NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Prodotti finanziari » Gli Exchange Traded Commodities

Gli Exchange Traded Commodities

Struttura riconducibile a quella degli exchange traded funds (ETF). Si distinguono da questi per le tipologie delle attività sottostanti

di Daniele Tortoriello

La logica degli ETC è molto simile a quella degli ETF in quanto si pongono l’obiettivo di replicare l’andamento di un’attività, che, a differenza dei secondi, è legata al mercato delle merci. Per ETC si intendono, infatti, quegli strumenti finanziari emessi a fronte dell’investimento in una delle seguenti attività:

  1. merci per le quali esista un mercato di riferimento caratterizzato dalla  disponibilità di informazioni continue e aggiornate sui prezzi delle attività  negoziate;
  2. contratti, anche derivati, collegati alle attività di cui al punto precedente per le quali esista un mercato liquido e caratterizzate dalla disponibilità di informazioni continue e aggiornate sui prezzi dei contratti stessi.

 

Il valore degli ETC è collegato all’andamento dei prezzi delle attività sottostanti oppure al valore di indici o panieri relativi a tali attività a condizione che siano noti e caratterizzati da  trasparenza nei metodi di calcolo e diffusione.

Per poter essere ammessi alla quotazione, gli ETC devono rispettare le seguenti condizioni:
  1. il valore dell’indice e i prezzi fatti registrare dalle sue componenti nel  mercato di quotazione di riferimento siano disponibili ai negoziatori in Italia con un adeguato grado di aggiornamento;
  2. impegno da parte di operatori specialisti ad esporre, in via continuativa,  prezzi in acquisto ed in vendita.
Gli emittenti devono produrre un’attestazione, suffragata da un apposito parere legale rilasciato da un primario studio legale internazionale, dalla quale risulti che:
  1. le attività acquistate con i proventi derivanti dalla sottoscrizione costituiscono patrimonio separato a tutti gli effetti da quello dell’emittente e da quello delle altre eventuali emissioni;
  2. le attività acquistate con i proventi derivanti dalla sottoscrizione, nonché  i proventi generati dalle stesse attività, sono destinati in via esclusiva al soddisfacimento dei diritti incorporati negli strumenti finanziari ed  eventualmente alla copertura dei costi dell’operazione;
  3. su tali attività non sono ammesse azioni da parte di creditori diversi dai  portatori dei relativi ETC. 
Nel caso in cui gli emittenti degli ETC oppure gli stessi ETC o l’eventuale  garante siano stati oggetto di rating sul merito di credito da parte di un’agenzia di rating indipendente locale o internazionale nei 12 mesi antecedenti la  domanda di ammissione, tale rating o il relativo aggiornamento, se pubblici, dovranno essere comunicati a Borsa Italiana, la quale diffonde queste informazioni al mercato  nell’avviso in cui si stabilisce la data di inizio delle negoziazioni.

Inoltre, per poter essere ammessi a quotazione gli emittenti degli ETC:
  1. devono essere sono società o enti  nazionali o esteri che hanno per oggetto esclusivo la realizzazione di una o più  operazioni di emissione di ETC;
  2. devono presentare i bilanci corredati di un giudizio della società  di revisione redatto secondo le modalità previste Testo Unico  della Finanza o della corrispondente disciplina di diritto estero applicabile;
  3. deve dimostrare la disponibilità in Italia delle  informazioni continue ed aggiornate sui prezzi fatti registrare nel mercato  principale di quotazione dalle attività sottostanti.
Borsa Italiana si riserva la facoltà di chiedere all’emittente la comunicazione ai fini della diffusione al  mercato, durante la vita degli ETC, delle variazioni dei prezzi delle attività  sottostanti.

Infine, Borsa Italiana può, allo scopo di valutare l’idoneità dell’emittente gli ETC,  richiedere al medesimo indicazioni sulle strategie di copertura del rischio che  intende adottare con riguardo all’emissione.

Daniele Tortoriello
danitorto@hotmail.com

 

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Un reddito uguale per tutti, ricchi e poveri, non soggetto a condizioni o prove. E nemmeno a promesse di impegno lavorativo. E' questo, il reddito di cittadinanza Continua »

da

ABCRisparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »