NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Basi Investimento » Piattaforme di Trading On Line. Vogliamo alzare le palette? seconda parte

Piattaforme di Trading On Line. Vogliamo alzare le palette? seconda parte

Proseguiamo col nostro contributo-pagella e, finalmente, assegniamo i punteggi. Dove eravamo arrivati? Ah, sì! Mancava IWBank!

di Redazione Soldionline
di Erika Tassi e Francesco Caranti

> Per leggere la prima parte dell'articolo clicca qui

… caro Oscar, caro amico mio. Tu sai che in regime di par condicio occorre essere discreti. Per cui non ti posso dire per chi parteggio ma le conclusioni le tirerai tu, ne sono sicura! …

Disclaimer.
Tra le principali Società italiane che permettono di operare in Opzioni FTSE MIB, nei presenti contributi vengono prese in considerazione solo le seguenti: Banca Sella, Intesa Trade e IWBank.
Tale selezione risponde unicamente al fatto che sia l’Autore che il Responsabile del Sito le hanno conosciute in modo diretto in quanto con esse hanno operato di persona.
Pertanto i giudizi che seguono sono stati espressi sulla base di esperienze personali sia in ordine all’operatività delle piattaforme esaminate, sia in ordine alle procedure di apertura delle relative convenzioni con le rispettive Banche o Sim.

 
IWBANK
(il call center vi risponde a questo numero verde 800-991188)

tol92C’è da dire che anche con le Banche, un po’ come coi vestiti, bisogna sentirseli ‘cadere bene addosso’.
Vediamo oggi come si adatta l’abito IWBank: stringe, sbuffa, cade bene davanti, ingrossa, smagrisce? Mah!
 
Il conto lo potete aprire presso uno dei loro sportelli solo e rigorosamente a Milan che l’è una gran Milan (Via Cavriana e Viale Europa) oppure direttamente online.
Ah, sì! Questi milanesi hanno davvero guardato ai costi nella loro politica aziendale!
Due soli sportelli in Italia, tutti belli concentrati nel core-business, per il resto ti devi arrangiare!
Figurati! Quindi, se hai la fortuna di essere meneghino li puoi anche andare a trovare, sennò, se stai a Canicattì, te lo puoi anche scordare: ti attacchi.
In entrambi i casi (Milano oppure online), l’apertura del conto è assolutamente gratis.
Dopo aver inviato la modulistica debitamente compilata e firmata, vi contattano per mail comunicandovi di aver ricevuto tutto e di procedere all’apertura della pratica.
Ma volete accelerare ancora più i tempi? Mandate i documenti via fax al numero da loro indicato!
Dopo un paio di giorni vi spediscono numero conto e password provvisoria per mail e PIN 1 e PIN 2 per posta. Però non siete ancora pronti. Fate loro un bonifico dell’importo che volete per permettergli la vostra identificazione e poi attendete l’invio del Token, il generatore automatico di password temporanee simile ad Apritisella di Sella.
Cambia un po’ nella forma ma la dimensione è sempre quella di una Pen Drive e il fine è lo stesso: tutelare maggiormente la vostra sicurezza. Anche IWBank lo assegna d’obbligo a tutti i nuovi clienti (per i vecchi NO) e, anche in questo caso, potete avvantaggiarvi del fatto di non dover cambiare password periodicamente se temete per la vostra sicurezza.
Ma, rispetto ad Apritisella, il Token di IWBank presenta un vantaggio in più: non dovrete portarvelo sempre appresso in quanto è indispensabile solo per accedere al conto personale (intendo: i dinee, cioè i soldi del conto) , non per operare in Derivati.
Quindi, se avete attivato la Piattaforma QuickTrade, potrete operare con essa in ogni tempo e in ogni luogo pur non avendo con voi il Token. Sono sufficienti solo le prime due password.
Ad ogni modo, una volta ricevuto questo aggeggio, potete procedere alla modifica delle password temporanee assegnatevi all’inizio, crearne una nuova che andrà sempre associata al Token (OTP PIN + OTP PASSWORD) e aspettare che vi venga attivato il conto.
Al segnale di via, potrete cominciare a tradare tranquillamente con la loro piattaforma free 4Trader, se invece volete QuickTrade la potete attivare direttamente da soli online dall’area privata del Sito denominata MYIWBank. Sarete attivi in 24 ore e vi verrà immediatamente addebitato il canone mensile di 20 euro.
 
Mi permetto però alcuni consigli:

    * già quando compilate i moduli prestate attenzione a mettere la spunta sulla voce Regime Fiscale Amministrato piuttosto che Dichiarativo (vale lo stesso discorso fatto per le precedenti Banche/Sim)

    * controllate il Profilo Commissionale che vi hanno assegnato non dimenticando che IWBank, per default, assegna quello a ‘2,5 minimo 25’ (a questo proposito vi rimando ad un precedente contributo in cui si espone il fraintendimento di cui molti di noi sono stati vittime http://www.francescocaranti.net/piattaforme_tol_sicurezza/chat_iwbank )

    * verificate il tipo di informativa a pagamento che vi interessa (Mercati Italiani, Mercati Esteri, etc…) ed indicateglielo subito. Nel caso in cui non lo faceste, vi accorgerete che, quando sarete operativi, i dati che più vi interessano non sono aggiornati in push … poco male perché potrete farlo da voi direttamente on line sempre accedendo all’area privata del Sito e l’informativa di vostro interesse vi verrà attivata da subito. Il consiglio è giusto per non perdere troppo tempo.

Insomma, per aprire un conto con IWBank calcolate una ventina di giorni LAVORATIVI: badate bene, LAVORATIVI.
Ciò vale anche per le altre Banche.
Se aprite un conto il 23 Dicembre non illudetevi di essere operativi già l’11 Gennaio con tutti i giorni festivi che ci sono di mezzo!
La piattaforma pay QuickTrade è spaziale. Al momento la migliore.
Costa 20 euro al mese ma, se generate almeno 50 euro di commissioni mensili, diventa gratuita.
Al contrario 4Trader, la Piattaforma free, non è un granché: in modalità pull piuttosto che push, fa saltare decisamente i nervi.
Poi, con download gratuito, mettono a disposizione per tutti clienti la configurazione per palmare IWLite: sarebbe perfetta se non avesse il limite - come quella di Sella - di non aggiornare i dati in push ma, del resto, questo sembra essere il limite di tutte le Piattaforme free …
Al call center vi rispondono velocemente senza troppa attesa dal lunedì al venerdì dalle 08.00 alle 22.00 e il sabato e festivi ad orario ridotto. Personalmente ho potuto constatare che se li si contatta dopo le 20 sono molto più disponibili e tendono a dilungarsi nelle spiegazioni (cosa sempre positiva); se non avete voglia di chiamare al telefono potete contattarli in Chat: anche in questo caso vi rispondono prontamente e, meraviglia delle meraviglie, potete farvi mandare per mail il testo della Chat da stampare e conservare. Non si sa mai … ‘verba volant, scripta manent’!
Il vantaggio più grosso di IWBank secondo me è proprio quello del FAI-DA-TE. Non è indispensabile essere costantemente affiancati da un operatore. E un po’ come pranzare in un grande self-service o fare la spesa al supermercato potendo scegliere e pesare autonomamente frutta e verdura sulla bilancia piuttosto che farsi servire dal commesso di turno facendo la fila. Poi, se si è in difficoltà, si può sempre chiamare qualche operatore … ma volete mettere il vantaggio del fai-da-te, giorni festivi compresi?
Nota dolente? Oh yes!
Il simulatore di margine di strategie complesse, peraltro in push.
No, non funziona e non è verosimile! Una strategia simulata, nella realtà margina sempre il 50% in più.
L’aggiornamento in push, peraltro presente in ogni funzione della piattaforma, nel caso dell’aggiornamento del margine reale è piuttosto ansiogeno! Se consideriamo la logica sottostante (pare che il margine si aggiorni ogni volta che viene battuto un nuovo prezzo sui contratti detenuti in portafoglio … dico “pare” perché a questa domanda non è ancora stata data risposta) è davvero fuorviante.
Dovete sapere, infatti, che se malauguratamente il margine sale in maniera sconvolgente tanto da coprire la liquidità residua sul conto, in automatico viene inviata una mail in cui il cliente, oltre a venire allertato, viene anche ammonito: o chiude le posizioni pericolose in Portafoglio o rifonde il conto trading entro fine giornata o provvedono loro stessi a chiudere tutte le posizioni a rischio.
Dai, IWBank! Ma non si fa così! Specie quando il tuo accrocchio è un po’ sballato!
Anche i cuori più robusti e pieni di salute ne possono risentire!
IntesaTrade e Sella non aggiornano in push, ma almeno ci risparmiano l’attacco alle coronarie!
Semplicemente, in casi simili, il giorno successivo ci bloccano l’operatività e ci consentono solo di chiudere le posizioni presenti in Portafoglio piuttosto che aprirne di nuove.
Ma … come mai, IWBank? Siete così ‘friendly’ in tutto e poi ci combinate questa cosa?
Certo, anche in questo caso, chiamando il call center cercano di aiutarvi a comprendere se il problema sta realmente sul vostro Portafoglio o si tratta solamente di una bizzarria momentanea del loro marginatore associata ad un Mercato ultimamente quanto mai bizzarro … ma se siete presi da famiglia, lavoro, varie ed eventuali e non fate in tempo a telefonare, le posizioni ve le chiudono davvero!
Nello scorso Ottobre 2008, complice un Mercato TERRIBILMENTE ORSO, se ne sono viste di tutti i colori.
Vi rimando comunque ad un contributo di Caranti del 5 aprile 2009 a cui la Banca, per quanto invitata a farlo, non ha ancora dato risposta, risposta che ancora attendiamo pazientemente.
Il contributo era relativo proprio al misterioso funzionamento del Marginatore:
(http://www.francescocaranti.net/piattaforme_tol_sicurezza/margine_opzioni_iwbank).

Vabbè! Come ho già detto, non si può avere tutto dalla vita.
 
In compenso, però:

    * possiamo modificare il nostro massimale operativo on line (sempre accedendo all’area privata del Sito e senza dover chiedere necessariamente udienza al Presidente della Repubblica)
    * possiamo revocare il profilo commissionale scelto
    * possiamo congelare temporaneamente la liquidità che non utilizziamo per il trading in un conto Deposito a tasso variabile che genera interessi mensili e disinvestirlo quando fa più comodo a noi: sempre con il famoso FAI-DA-TE.
    * Se poi ipotizziamo di non bazzicare i Mercati Finanziari per un mese, due o tre possiamo pure investire la liquidità con IWPower … ci rende un pochetto di più ma dobbiamo giurare e spergiurare di non toccare i nostri soldi per il periodo pre-stabilito. E tutto sempre con il FAI-DA-TE. Dite quello che volete ma per chi, come me, vorrebbe che le giornate fossero di 48 ore perché il tempo non basta mai, detesta le file e le attese ed è abituato a gestire la propria vita senza contare troppo sull’intervento del ‘Deus ex-machina’, beh! La modalità FAI-DA-TE non è cosa di poco conto.
 
 
A grandi linee mi sembra di avervi raccontato le cose più importanti da sapere per ogni Banca.
Ora che ne dite se facciamo la pagella?
I voti assegnati vanno da 1 a 9 (perché al liceo mi dicevano che il 10 non si assegna mai, inorgoglisce troppo e fa rammollire).
Seguitemi! Anche se, ovviamente, questa è solo l’opinione mia, condivisa pure dal mio boss Caranti:

tol93

Ma, lo ripetiamo, questa è solo la nostra opinione da ‘praticoni’, proprio perché, come sapete, il più delle volte l’amore è cieco!
 
Voi cosa ne pensate?
 
Dai, scriveteci!
Raccogliamo un po’ di mail con i vostri punteggi e ci prendiamo l’impegno noi di raggrupparle e di consegnarle personalmente alle Banche che, se avranno piacere e se veramente tengono a noi, sono sempre le benvenute per discutere le soluzioni che necessitano.
 
vi aspettiamo ... sempre al servizio di Voi che siete Consumatori, anzi, Consumatore da difendere ogni giorno di più.

Per informazioni, commenti o curiosità: www.francescocaranti.net Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Un reddito uguale per tutti, ricchi e poveri, non soggetto a condizioni o prove. E nemmeno a promesse di impegno lavorativo. E' questo, il reddito di cittadinanza Continua »

da

ABCRisparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »